Home Bologna Ricerca Finalizzata Regione Emilia-Romagna: 732 mila euro all’IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche,...

Ricerca Finalizzata Regione Emilia-Romagna: 732 mila euro all’IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche, 184 mila euro all’Azienda Usl di Bologna






Parkinson, demenze e trattamento delle patologie degenerative della colonna lombare, e la possibile associazione tra il decesso per Sars Cov-2 e sesso maschile, gli ambiti di ricerca.

Parkinson, demenze e patologia degenerativa della colonna lombare sono i temi sui quali, per i prossimi 3 anni, i ricercatori dell’IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna (ISNB), svilupperanno i 3 progetti di ricerca finanziati, con 732 mila euro, dalla Regione Emilia-Romagna A questi si affianca il progetto dell’Azienda Usl di Bologna, sulla possibile associazione tra il decesso per Sars Cov-2 e il sesso maschile, anch’esso finanziato dalla Regione con 184 mila euro.

I progetti IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche
Parkinson. Costruire una rete assistenziale e di ricerca, costituita da tutte le unità operative del territorio regionale che offrono assistenza alle persone con malattia di Parkinson. E’ l’obiettivo del progetto di Programma di rete, coordinato da Pietro Cortelli, Direttore della Rete Neurologica Metropolitana (NeuroMet) dell’IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche, finanziato con 442 mila euro. L’idea si fonda sull’estensione a livello regionale di “ParkLink”, progetto d’Istituto, basato sul modello di record-linkage, che dal 2015 integra dati clinici raccolti da specialisti neurologi dell’area metropolitana di Bologna con dati dei flussi amministrativi aziendali, allo scopo di generare evidenze scientifiche che possano ampliare le conoscenze attuali per migliorare la qualità delle cure e la presa in carico nella rete integrata ed orientare la ricerca futura, in campo clinico e di salute pubblica.

Patologie degenerative della colona lombare. Il neurochirurgo Alfredo Conti coordina uno studio finalizzato a individuare le migliori strategie per il trattamento della patologia degenerativa della colonna lombare, condizione destinata a colpire praticamente ogni adulto, principale causa di dolore cronico e disabilità nella popolazione. I risultati dello studio potrebbero consentire la progettazione di un trattamento tagliato sulle specifiche necessità del singolo paziente e consentire una significativa riduzione delle spese a carico del sistema sanitario. Finanziato con 240 mila euro, il progetto vede la collaborazione dell’Istituto Ortopedico Rizzoli e dell’Università di Bologna.

Demenze. Il terzo progetto IRCCS ha l’obiettivo di valutare l’accuratezza di un metodo diagnostico innovativo (syn RT-QuIC) nell’identificazione precoce della malattia a corpi di Lewy in pazienti con decadimento cognitivo lieve. La malattia a corpi di Lewy è la seconda causa di demenza su base neurodegenerativa dopo la malattia di Alzheimer. Il progetto è coordinato da Piero Parchi, Responsabile del Programma Neuropatologia delle Malattie neurodegenerative, ed è stato finanziato con 50 mila euro.

 

Il progetto Azienda Usl di Bologna
Il progetto di ricerca “Patho-Epidemiological Association of Male Sex, Prostate Cancer and Lethality from Sars CoV-2” a cura di Michelangelo Fiorentino, direttore del servizio di Anatomia Patologica, Ospedale Maggiore, dell’Azienda Usl di Bologna e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna con un investimento di 184 mila euro, ha l’obiettivo di analizzare la possibile associazione tra il decesso per Sars Cov-2 e il sesso maschile.
La proteina TMPRSS2, coinvolta nel meccanismo patologico di ingresso del Sars-Cov-2 nelle cellule degli alveoli polmonari insieme a ACE2, è infatti regolata dagli ormoni sessuali maschili e contribuisce anche allo sviluppo dei tumori della prostata.  Il progetto è incentrato sullo studio della espressione delle proteine TMPRSS2, ERG e ACE2 e dei geni che codificano per esse a livello polmonare, in una popolazione di pazienti di sesso maschile infettata dal virus Sars-Cov-2. I risultati del progetto potrebbero migliorare le conoscenze sui mezzi di penetrazione del virus Sars-Cov-2 nell’organismo  e identificare potenziali bersagli di terapia.

 









Articolo precedenteCovid, 3.023 nuovi casi e 30 decessi in 24 ore
Articolo successivoGiornata Europea della Cultura Ebraica domenica 10 ottobre: in Emilia-Romagna eventi in dodici località