“Attaccare la sede della CGIL, come è avvenuto quest’oggi a Roma da parte di squadracce fasciste, vuol dire attaccare il mondo del lavoro. E quindi attaccare la democrazia.

È già successo durante il ventennio fascista, e oggi come allora non ci faremo intimidire.

Domani molti di noi saranno a Roma per partecipare all’assemblea generale convocata d’urgenza dopo le violenze di oggi.

E sempre domani, in tutta l’Emilia-Romagna, le sedi provinciali della CGIL saranno aperte e presidiate dai nostri iscritti.

Non ci lasceremo intimidire e continueremo ad essere presidio di democrazia, partecipazione e libertà.” 

CGIL Emilia-Romagna









Articolo precedenteF1: Gp Turchia, Leclerc parte in seconda fila
Articolo successivoGiornata nazionale Pans/Pandas, molte caserme dei Vigili del fuoco illuminate di verde come a Modena