Home Fiorano Analisi organizzativa al Comune di Fiorano Modenese

Analisi organizzativa al Comune di Fiorano Modenese

Avviata dall’Amministrazione per potere migliorare l’attività dell’ente, la qualità del servizio ai cittadini e il benessere del personale.



L’Amministrazione di Fiorano Modenese ha avviato un’analisi dell’organizzazione dell’ente, con l’obiettivo avere maggiore consapevolezza sul contesto organizzativo, sui processi di lavoro, sulla qualità del servizio ai cittadini, sul livello di integrazione tra gli uffici e sugli fabbisogni formativi del personale.

Al termine dell’analisi, sulla base dei risultati emersi, si potrà eventualmente avviare la riprogettazione di alcune attività, piuttosto che valutare l’evoluzione delle forme di lavoro, anche in un’ottica di un bilanciamento tra tempi di vita e lavoro o di welfare territoriale.

“Con umiltà e rispetto per il lavoro svolto fino a questo momento, l’Amministrazione attraverso il contributo di tutto il personale intende far emergere il valore e la qualità dei processi di lavoro e dei servizi del nostro Comune. – spiega l’assessore al Personale e Organizzazione del Comune, Carlo Santini – Questa consapevolezza condivisa permetterà di salvaguardare il valore dei servizi erogati dalla struttura e se è possibile migliorarli a vantaggio sia dei cittadini che del personale”.

Il primo passo del processo prevede una serie di incontri tra il consulente esperto del Gruppo Maggioli, che si è aggiudicata la gara di affidamento, con tutti i dipendenti del Comune di Fiorano Modenese per spiegare come verrà realizzata l’analisi e come verranno raccolti i dati. Gli incontri si sono conclusi la scorsa settimana. Ora i dipendenti del Comune dovranno compilare una scheda che raccoglierà, servizio per servizio, le informazioni relative alle attività svolte e alla percentuale di tempo lavorativo dedicato a ciascuna attività.

I dati quantitativi ricavati dalle schede verranno poi letti ed interpretati dal team di consulenti e incrociati anche con le informazioni qualitative fornite in modo spontaneo da ciascun  dipendente, per scattare una fotografia dell’organizzazione esistente ed evidenziare agli amministratori e dirigenti del Comune eventuali criticità su cui lavorare. I consulenti potranno anche fornire eventuali suggerimenti di miglioramento in base alla loro esperienza, maturata nel confronto con le organizzazioni di tanti altri enti locali.

I risultati dell’analisi saranno disponibili nel primo semestre del 2022 e potranno essere il punto di partenza per attivare gruppi di lavoro che favoriscano il coinvolgimento attivo del personale.

L’Amministrazione seguirà con molta attenzione questo processo e valuterà con cura gli esiti del progetto, al termine del quale definirà la priorità degli interventi di miglioramento organizzativo che dovessero emergere.

Articolo precedenteA Maranello letture e laboratori per bambini per Halloween
Articolo successivoBerlusconi “Centrodestra italiano lontano dagli estremismi”