Home Appennino Modenese “Abitare Utopie” a Gombola

“Abitare Utopie” a Gombola

Una campagna di crowdfunding per contribuire al progetto del Teatro dei Venti nell'Appennino modenese



Gombola – panorama (foto Chiara Ferrin)

Fino al 3 dicembre è possibile sostenere il progetto del Teatro dei Venti a Gombola (Polinago, MO) con una donazione sulla piattaforma di crowdfunding Eppela.com, un modo per partecipare all’attivazione di un centro culturale nell’Appennino modenese.

“Abitare Utopie” è un progetto di rigenerazione culturale in connessione con il territorio, che parte dalla gestione dell’Ostello Podesteria di Gombola, la sede del Teatro dei Venti in Appennino.

Il progetto intende promuovere il borgo di Gombola come centro culturale, mettendo in relazione spazi diversi, quali l’Ostello, l’antica Chiesa Parrocchiale di San Michele, luogo disponibile per la fruizione di spettacoli, workshop, incontri, e tutta la rete realtà, singoli e associazioni che si prendono cura del territorio.

“Abitare Utopie” vuole sostenere un percorso di creazione artistica con i cittadini di Gombola e Polinago, la promozione del borgo come spazio dedicato al pensiero, all’azione, alla sperimentazione e all’analisi di nuove traiettorie culturali, alle residenze artistiche, all’ospitalità.

Un progetto che ha nel Festival Trasparenze il suo evento manifesto, occasione di apertura e di ospitalità con un impatto positivo sui territori d’Appennino, in connessione con la città di Modena, con la partecipazione di artisti italiani e internazionali. Il Festival co-progettato con la comunità di Gombola e Polinago, occasione per dare un esito tangibile al coinvolgimento degli abitanti, per promuovere una riattivazione socioculturale dei luoghi, per una promozione turistico-culturale attenta al patrimonio immateriale.

Il progetto rappresenta la creazione di un prototipo di relazione con il territorio di Gombola e Polinago avviato nel 2020 con la gestione dell’Ostello da parte del Teatro dei Venti e prevede: un’attività annuale di creazione e progettazione artistica con i cittadini di Gombola e Polinago a partire dal patrimonio culturale del territorio; la promozione dell’Ostello come luogo aperto alla ricettività turistico-culturale e alla residenzialità artistica; l’ospitalità per artisti e spettatori nell’ambito del Festival Trasparenze, evento di apertura e restituzione degli incontri annuali.

È possibile sostenere il progetto con donazioni che vanno dai 10 ai 200 € sulla piattaforma di crowdfunding attiva sul sito Eppela.com, ricevendo una ricompensa ed entrando tra i pionieri che accompagnano l’avvio di questa avventura.

Come verranno utilizzati i fondi
I fondi verranno utilizzati per sperimentare un prototipo di ricettività turistico-culturale e di residenzialità artistica in connessione con il territorio; per sostenere un percorso annuale di creazione artistica con i cittadini di Gombola e Polinago; per pianificare la promozione e la comunicazione dell’Ostello Podesteria di Gombola, e del progetto che lo sostiene, a livello nazionale e internazionale.

Chi c’è dietro al progetto
Il Teatro dei Venti, una compagnia teatrale attiva dal 2005 nella creazione di spettacoli e nella realizzazione di progetti che accostano creatività e comunità in funzione di una efficace coesione sociale. Con i suoi lavori è stata in tournée in Italia e all’estero, in Francia, Polonia, Serbia, Croazia, Spagna, Romania, Lituania, Germania, Montenegro, Argentina, Taiwan, India. Realizza progetti permanenti presso la Casa di Reclusione di Castelfranco Emilia e la Casa Circondariale di Modena, in collaborazione con il Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna. Sempre in ambito sociale promuove progetti di Cooperazione Internazionale (Mozambico, Serbia, Senegal) e nel campo della Salute Mentale in collaborazione con DSM-DP dell’ASL di Modena. Dal 2012 cura l’organizzazione di Trasparenze Festival e Residenze, con lo scopo di dare voce alla creatività contemporanea, ai linguaggi della scena teatrale indipendente e alla valorizzazione dei nuovi spazi. Tra i suoi partner principali ci sono il Ministero della cultura, la Regione Emilia-Romagna, ATER Fondazione, il Comune di Modena, la Fondazione di Modena, Arci Modena. Attualmente è impegnato in tre progetti co-finanziati da Creative Europe, finalizzati alla produzione artistica e alla creazione di buone pratiche di teatro in ambito sociale a livello europeo. Nel 2019 ha debuttato con lo spettacolo Moby Dick, Premio Rete Critica 2019 per la progettualità/organizzazione, Premio Ubu 2019 per l’allestimento scenico.

Dal 2020 gestisce l’Ostello Podesteria di Gombola, con un progetto di ricettività turistico -culturale e di residenzialità artistica. Dallo stesso anno con il progetto Abitare Utopie, sostenuto dalla Fondazione di Modena, sta realizzando un prototipo di creazione artistica con la comunità, che coinvolge le Carceri, il quartiere di Via San Giovanni Bosco a Modena e il borgo di Gombola.

Nell’ambito di Crowfunder35                                                                                       Il progetto del Teatro dei Venti è stato selezionato per Crowdfunder35, un’iniziativa a cura di Fondazione Sviluppo e Crescita CRT nell’ambito di Funder35, promossa da 19 Fondazioni con il patrocinio di ACRI, volta a mobilitare il territorio di pertinenza circa l’importanza della cultura, dell’arte, dell’integrazione sociale e della collaborazione tra realtà differenti, ma appartenenti alla medesima rete territoriale interconnessa.

 

Articolo precedenteD’Ambrosio e Dimarco firmano il 2-0 dell’Inter a Empoli
Articolo successivoAssegnato all’Agenda Digitale “Data Valley Bene Comune” della Regione Emilia-Romagna il premio Ecohitech Award