Gentilissima Redazione di Sassuolo2000,

Le scriviamo in qualità di genitori di alunni frequentanti la Scuola primaria Don Gnocchi  di San Michele.

Le scriviamo da genitori stupiti e molto perplessi riguardo all’articolo da voi pubblicato in data 6 novembre 2021 riguardante la situazione Covid 19 nella Scuola che i nostri figli frequentano.

La signora che ha scritto alla nostra Dirigente scolastica e ha chiesto a Voi di pubblicare il contenuto della mail ha fatto cosa che riteneva più giusta ma sicuramente non riportando le cose in maniera precisa e questo ci è sembrato scorretto, non soltanto da parte sua ma anche da parte della Redazione  stessa del vostro giornale.

Le notizie non andrebbero forse sempre verificate, approfondite?

Spero che una Redazione giornalistica come la vostra comprenda quanto sia importante la veridicità delle notizie che diffonde sotto la dicitura” in evidenza”.

La situazione descritta dalla Signora si è verificata in primo luogo all’esterno delle mura scolastiche precisamente nel giardino della scuola, all’aperto (e cosa da non sottovalutare ma importantissima in un orario in cui al genitore in questione non era permesso stazionare in quel determinato luogo per motivi di sicurezza), quindi riportare parte del testo del Patto di Corresponsabilità che noi genitori abbiamo firmato, facendo riferimento a banchi e cattedre lascia intendere che la situazione si sia verificata all’interno delle mura scolastiche…cosa non vera.

Il docente in questione non è il docente della classe frequentata da nessun membro della Sua famiglia, nella nostra scuola le “bolle “ di sicurezza vengono rispettate in  maniera rigida e puntuale.

Il fatto che la Signora sottolinei (con fare umile e quasi ingenuo) la vaccinazione o meno del docente in questione fa immediatamente sorgere la necessità di ricordare con forza  alla Signora che in Italia ,al momento è in vigore una legge sulla privacy che non Le permette di fare simili affermazioni o allusioni.

E’ bene comunque sottolineare, per la tranquillità di questa Signora che ogni docente ha L’OBBLIGO di essere in possesso di green pass , ricevuto o dopo aver effettuato il vaccino o dopo aver fatto regolare tampone. Quindi il docente in questione è sicuramente in regola per svolgere il suo lavoro al meglio e in totale sicurezza.

Permettersi di passeggiare in giro per il mondo, all’aria aperta, sentenziando a destra e a sinistra lo si può fare….ma con cognizione di causa e soprattutto ,visto che si è adulti, bisogna anche mettere in conto che qualche volta può anche accadere che qualcuno ti risponda nello stesso modo in cui tu le hai parlato.

Detto questo ringraziamo la Redazione per la possibilità di replica a questa lettera che, a parer nostro, non era fedele a quanto accaduto né nei modi né nei toni e che forse avrebbe meritato un po’ più di cautela nell’essere pubblicata.

Auspichiamo che la stessa importanza e risonanza sia data anche alla nostra versione.

Distinti saluti

Genitori della Scuola Don Gnocchi









Articolo precedenteCoronavirus. L’aggiornamento in Emilia-Romagna (6/11): 561 nuovi positivi su 28.369 tamponi (1,9%)
Articolo successivoItalrugby sconfitta 47-9 dagli All Blacks