Home Correggio “La vedova allegra” della Compagnia di Corrado Abbati venerdì al Teatro Asioli...

“La vedova allegra” della Compagnia di Corrado Abbati venerdì al Teatro Asioli di Correggio



Venerdì 12 novembre (ore 20.30) il Teatro Asioli di Correggio ospiterà uno scintillante fuori-stagione: La vedova allegra, la “regina delle operette”,  la “prima” di un nuovo allestimento della Compagnia di Corrado Abbati.

In una Parigi elegante e spensierata,  i protagonisti sono coinvolti in un vorticoso e divertente scambio di coppie, promesse, sospetti e rivelazioni. Un parapiglia che, come è naturale in un’operetta, al termine si ricompone nel migliore dei modi con il matrimonio fra la bella vedova Anna Glavari e l’aitante diplomatico Danilo. Elegante e spensierata vuole essere anche questa nuova edizione dello spettacolo, dove si va da “Maxim” (ancora oggi simbolo mondano-turistico parigino), si danno nomi capricciosi alle donnine che allietano le serate piccanti dei diplomatici, si cantano valzer pervasi da un erotismo scintillante, si ballano indemoniati can-can e si ama con assoluta gaiezza in un’atmosfera leggera e contagiosa che coinvolge attori e pubblico. Gli interpreti (tra gli altri lo stesso Abbati, Antonella Degasperi, Fabrizio Macciantelli, Giovanna Iacobellis, Domenico Menini), il corpo di ballo (Balletto di Parma), le scene e i costumi contribuiscono a rendere indimenticabile questo allegro e sontuoso clima belle-époque, in un travolgente mix di canto, musica, danza e comicità.

Corrado Abbati – attore, cantante, regista, musicologo – prosegue così con coerenza, competenza e inventiva il suo personale percorso artistico, salutato con entusiasmo dai pubblici di tutt’Italia.

Biglietti: Euro 25 – 22,50 – 18

Orari biglietteria: da lunedì a venerdì dalle 18 alle 19 (giovedì chiuso) e sabato dalle 10,30 alle 12,30 (festivi esclusi) e un’ora prima degli spettacoli.

Per informazioni: 0522 637813; e-mail: info@teatroasioli.it; web: www.teatroasioli.it

Il Teatro Asioli è anche su Facebook e Instagram.

Articolo precedenteMotori in centro storico a Modena: valorizzazione e minor impatto
Articolo successivoL’infermiere di Comunità arriva in montagna. Al via il progetto nel Distretto di Pavullo