Home Fiorano Fiorano: Certificati anagrafici online e gratuiti dal 15 novembre

Fiorano: Certificati anagrafici online e gratuiti dal 15 novembre






Dal 15 novembre 2021 i cittadini potranno scaricare i certificati anagrafici online in maniera autonoma e gratuita, senza pagare il bollo e senza bisogno di recarsi allo sportello .

E’ questo il nuovo servizio dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) del Ministero dell’Interno, a cui il Comune di Fiorano Modenese ha aderito da tempo, che consentirà di scaricare 15 certificati per proprio conto o per un componente della propria famiglia, dal proprio computer, comodamente a casa.

In dettaglio si potranno scaricare i seguenti certificati:

  • anagrafico di nascita
  • anagrafico di matrimonio
  • cittadinanza
  • esistenza in vita
  • residenza
  • residenza AIRE
  • stato civile
  • stato di famiglia
  • stato di famiglia e di stato civile
  • residenza in convivenza
  • stato di famiglia AIRE
  • stato di famiglia con rapporti di parentela
  • stato Libero
  • anagrafico di unione civile
  • contratto di convivenza

I certificati digitali potranno essere rilasciati anche in forma contestuale (ad esempio stato di famiglia e residenza potranno essere richiesti come unico certificato).

Sul portale è già possibile vedere, scaricare e stampare i dati anagrafici (ad esempio le tue generalità, la composizione della tua famiglia, gli estremi del tuo atto di nascita) e richiedere autocertificazioni sostitutive delle certificazioni anagrafiche.

Al portale ANPR si accede con la propria identità digitale (SPID, Carta d’Identità Elettronica o CNS Carta nazionale dei servizi) e se la richiesta è per un familiare verrà mostrato l’elenco dei componenti della famiglia per cui è possibile richiedere un certificato.

Il servizio, inoltre, consente la visione dell’anteprima del documento per verificare la correttezza dei dati e di poterlo scaricare in formato .pdf o riceverlo via mail.

Grazie all’Anagrafe Nazionale Unica, ogni aggiornamento sul portale è immediatamente consultabile dagli enti pubblici che accedono alla banca dati, dai Servizi demografici comunali, all’Agenzia delle Entrate, dall’Inps alla Motorizzazione Civile.

 









Articolo precedenteInizia sabato 13 novembre alla Cionini la rassegna “Leggiamoci – Libri, vita e storie”
Articolo successivoExit strategy – vie d’uscita culturali, ecco i due progetti finanziati dal Comune di Bologna