Home Reggio Emilia Il 23 novembre sarà la Giornata Nazionale di Prevenzione dei Tumori del...

Il 23 novembre sarà la Giornata Nazionale di Prevenzione dei Tumori del Collo





I tumori del distretto testa-collo sono al settimo posto tra le forme di cancro più diffuse a livello europeo.

Al tema della loro diagnosi precoce è dedicata la prima edizione della Giornata Nazionale prevista per martedì 23 novembre prossimo. La campagna informativa è promossa dalla Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico Facciale – SIOeChCF. A questa hanno aderito  un centinaio di strutture sanitarie pubbliche e private del territorio italiano, tra cui l’Azienda USL IRCCS di Reggio Emilia.

Il 23 mattina, dalle 8 alle 13:00, alle prime 30 persone prenotate, saranno offerti consulti gratuiti dall’equipe della Struttura di Otorinolaringoiatria dell’Arcispedale Santa Maria Nuova. In considerazione delle restrizioni legate al Covid, che pongono il divieto di assembramento e la necessità di opportune metodiche di disinfezione degli ambulatori fra una visita e l’altra, i consulti devono essere programmati attraverso prenotazione telefonica che potrà essere fatta chiamando il numero 0522  296273 dal 15 al 19 novembre nella fascia oraria 11:30 – 14:00. Oltre questa giornata sarà possibile, comunque, prenotare le visite specialistiche con richiesta del medico curante tramite CUP.

 

I tumori del distretto testa-collo

A livello nazionale i tumori testa-collo rappresentano il 3% dei casi oncologici, con una frequenza media tre volte superiore negli uomini e un’incidenza che aumenta progressivamente con l’età, a partire dai 50 anni. Oltre la metà dei casi arriva alla prima diagnosi con malattia avanzata o già metastatica e, di questi, il 60% non sopravvive oltre i 5 anni. Diffondere informazioni utili e stimolare una consapevolezza condivisa rappresentano tappe fondamentali nella lotta ai tumori e obiettivo primario dell’attività svolta dalla SIOeChCF. La diagnosi precoce e la prevenzione hanno importanza fondamentale e favoriscono la sopravvivenza nell’80-90% dei casi. La figura dello specialista otorinolaringoiatra è, in questo, il riferimento principale.

In un adulto, la comparsa di una tumefazione del collo, senza altri disturbi, può essere la prima manifestazione di un tumore della testa e del collo e costituire l’unica spia di un carcinoma del naso o della gola, di un linfoma, di un tumore tiroideo o di un tumore delle ghiandole salivari. Il 75% dei carcinomi che interessano queste parti del corpo sono causati dal fumo di tabacco e dall’abuso alcolico; altri fattori determinanti sono le esposizioni prolungate a materiali nocivi (polveri di legno, lavorazioni del cuoio, amianto, nichel), alcuni virus tra i quali il papilloma umano (HPV) e il virus di Epstein-Barr (EBV) o, ancora, l’esposizione a radiazioni ionizzanti e a inquinanti atmosferici. Adottare buone abitudini a livello alimentare e fisico resta il primo e più importante passo per condurre una vita lunga e sana. È dimostrato, infatti, che una dieta povera di fibre vegetali e ricca di carni rosse, l’obesità o una scarsa igiene orale, sono abitudini che, protratte nel tempo, possono divenire fattori incentivanti nello sviluppo di problemi oncologici. https://www.sioechcf.it/









Articolo precedenteVaccinazioni di prossimità, sabato il camper sarà a Monte San Pietro per vaccinare i giovani e non solo
Articolo successivoFontane illuminate a Modena per sensibilizzare su diverse patologie