Home Guiglia Vignola, il Punto vaccinale si sdoppia e diventa itinerante

Vignola, il Punto vaccinale si sdoppia e diventa itinerante





Foto Paolo Righi

Il Punto vaccinale di Vignola si sdoppia e diventa itinerante, per portare la vaccinazione anti-Covid sempre più vicino ai cittadini del Distretto.

Da oggi, giovedì 9 dicembre, fino a inizio gennaio, sono infatti previste giornate vaccinali dedicate alla somministrazione della dose booster su appuntamento, a Montese, Guiglia, Spilamberto e Zocca, a completamento dell’offerta del Punto vaccinale di Brodano, che sarà operativo con i consueti orari di apertura.

Il calendario – Si parte da Montese: oggi gli operatori sanitari dell’Ausl saranno presenti al Poliambulatorio di via Panoramica 50, dalle 8.30 alle 13.45. Sempre a Montese sono previste altre giornate dedicate il 16, 23 e 30 dicembre.

Venerdì 10 dicembre il Punto vaccinale fa tappa alla Casa della Salute “La Carrucola” di Guiglia, dalle 8.30 alle 10.45. Si replica il 13, 15, 17, 20, 22, 27 e 29 dicembre, e ancora il 3 e 5 gennaio 2022.

Sabato 11 è il turno di Spilamberto, alla Casa della Salute “Nicolaus Machella”, che ospiterà le vaccinazioni anti-Covid, dalle 8.30 alle 13.45, anche nelle giornate del 18, 24 e 31 dicembre.

Martedì 14, così come nelle giornate del 21 e 28 dicembre e 4 gennaio 2022, il PUV si sposta a Zocca, presso il Poliambulatorio.

“In accordo con i sindaci del territorio – spiega Federica Casoni, Direttore del Distretto di Vignola – abbiamo predisposto un’organizzazione che, seppur complessa e che richiede uno sforzo ulteriore dal punto di vista del personale, ci consente di raggiungere un’importante capillarità sul nostro Distretto. Proprio per questo è doveroso un ringraziamento a tutti gli operatori sanitari che ormai da un anno si prodigano con abnegazione nella campagna vaccinale anti-Covid. L’obiettivo è di mettere in sicurezza con la terza dose il maggior numero di cittadini possibile”.

“Dare maggiore tutela alle zone montane deve rimanere una priorità – afferma il Sindaco di Montese Matteo Deluca –. Speriamo in una forte partecipazione di tutti i cittadini, specialmente i più fragili. Il vaccino resta per ora la migliore arma contro questa pandemia”.

“Questa settimana si inaugura, nel nostro territorio, una nuova importantissima fase nella gestione della pandemia da Covid-19 – dichiara Iacopo Lagazzi, Sindaco di Guiglia –: da venerdì 10, e per tutto il mese di dicembre, fino ad inizio 2022, la Casa della Salute “La Carrucola” di Guiglia ospiterà infatti un Punto Vaccinale straordinario, per incentivare le dosi booster. Sono stati necessari grandi sforzi da parte dell’Azienda USL, congiuntamente all’Amministrazione Comunale, ma il risultato è a dir poco soddisfacente. Riuscire a far sì che i nostri concittadini possano vaccinarsi a Guiglia, a due passi da casa, soprattutto ora, nel pieno della stagione invernale, con maggiore probabilità di maltempo, è per me motivo di grande orgoglio e soddisfazione. Soprattutto per i nostri anziani, che con il freddo e la brutta stagione non vanno volentieri in giro, sono felice di poter offrire questa importante opportunità.

Ringrazio il Distretto Ausl di Vignola, in particolare la Dottoressa Federica Casoni, per aver colto le mie richieste e per aver messo a disposizione il personale e i mezzi per poter organizzare questa nuova importante iniziativa. Ed il mio pensiero ed il mio ringraziamento vanno naturalmente anche agli operatori sanitari che con devozione, preparazione e gentilezza, da quasi un anno, sono impegnati nella campagna vaccinale”.

Per il Sindaco di Spilamberto Umberto Costantini “sanità territoriale vuol dire avere a disposizione spazi come quello della Casa della Salute preziosi strumenti di benessere durante tempi normali indispensabili presidi durante tempi straordinari. Un grande grazie a tutti gli operatori che apriranno le porte della nostra Casa a quanti ne avranno bisogno”.

“Ci tengo a ringraziare a nome di tutta la comunità zocchese – sottolinea Federico Ropa, Sindaco di Zocca – la Direzione Sanitaria distrettuale, ed in particolare la Dott.ssa Federica Casoni, per la professionalità e la sensibilità dimostrata nei confronti di tutti quanti noi che viviamo in montagna, e ringrazio anche la Pubblica Assistenza di Zocca per la disponibilità come sempre dimostrata, grazie alla quale sarà possibile mettere in campo questo importante servizio. Un servizio fondamentale soprattutto per le persone anziane o con problemi di mobilità”.

 









Articolo precedentePallacanestro Scandiano: C Silver, trasferta ostica ad Anzola. Per la B femminile è tempo di derby
Articolo successivoIl cuore di Telethon batte a Modena per la ricerca