Home Reggio Emilia Venerdì 17 dicembre, in piazza della Vittoria a Reggio Emilia, nuovo ‘Spid...

Venerdì 17 dicembre, in piazza della Vittoria a Reggio Emilia, nuovo ‘Spid day’






Una giornata di mercato pre-natalizia dedicata all’innovazione e alfabetizzazione dei cittadini. Venerdì 17 dicembre, in piazza della Vittoria, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, è in programma un nuovo ‘Spid day’ in occasione del quale i cittadini e le cittadine che ancora ne sono sprovvisti, potranno attivare la loro identità digitale. L’iniziativa si svolgerà all’interno del Padiglione Agorà Iren, che in questi giorni ospita diversi eventi e iniziative organizzate dal Comune per il Natale. Per l’occasione gli operatori dell’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico, ComuneInforma, insieme ai volontari della rete degli Spid point – la rete decentrata sul territorio che da questa primavera ha reso possibile dare l’identità digitale a centinaia di persone – saranno a disposizione dei cittadini per erogare il servizio ad accesso libero e in modalità gratuita.

“Lo Spid è uno strumento sempre più importante e utilizzato dalla pubblica amministrazione per velocizzare e semplificare l’accesso ai servizi – dice l’assessore alla Partecipazione Lanfranco De Franco – Per questo abbiamo deciso di promuovere una nuova giornata aperta di iscrizione per supportare quei cittadini che ancora non hanno attivato la propria identità digitale, approfittando della presenza, in piazza della Vittoria, del padiglione Agorà Iren nel periodo natalizio. Fondamentale a tale proposito è la presenza dei volontari della rete dei diversi Spid point cittadini, attivata nei mesi scorsi, che ha permesso ad alcune centinaia di reggiani di accedere a questo strumento in maniera semplice e supportata. Si tratta di una bella opportunità, che rappresenta un bell’esempio di collaborazione tra soggetti pubblici e mondo del volontariato, che pensiamo possa essere particolarmente importante per raggiungere così le utenze più fragili e meno digitalizzate a un servizio così importante e utile nella vita di tutti i giorni”.

In un’unica struttura i cittadini potranno trovare sia gli operatori che gestiranno la prima parte di registrazione online, sia gli operatori che faranno il riconoscimento de visu in modo tale che il cittadino possa ottenere l’identità digitale in un’unica soluzione e nel giro di qualche minuto. Chi volesse accelerare ulteriormente le procedure, può effettuare la pre-registrazione anche in autonomia collegandosi al sito https://id.lepida.it, seguendo le indicazioni riportate: in questo modo, dovrà effettuare in presenza soltanto la seconda parte, relativa al riconoscimento.

Per effettuare l’attivazione dell’identità digitale, i cittadini dovranno avere con sé un documento di riconoscimento e la tessera sanitaria in corso di validità nonché possedere – per la parte di registrazione online – un indirizzo e-mail e un numero di cellulare personali.

L’iniziativa si svolge nel pieno rispetto della normativa anti Covid-19. L’accesso sarà comunque libero, senza necessità di prenotazione. Saranno obbligatori l’uso della mascherina e l’igienizzazione delle mani.

 

COS’È SPID E COME SI ATTIVA – Spid è il sistema pubblico di identità digitale grazie al quale è possibile accedere ai servizi online locali e nazionali della Pubblica amministrazione, come il fascicolo sanitario elettronico o la posizione Inps. Il possesso di un’identità digitale si configura con una condizione sempre più necessaria per esercitare a pieno i propri diritti di cittadinanza.

Possono ottenere l’identità digitale tutti i cittadini italiani maggiorenni e i cittadini stranieri, purché in possesso di permesso di soggiorno e residenti in Italia. Il rilascio avviene dopo il completamento di due passaggi: la pre-registrazione e il riconoscimento di persona (‘de visu’). Si può procedere alla pre-registrazione in autonomia, on line, collegandosi al sito https://id.lepida.it.

Viceversa si può chiedere assistenza telefonica o di persona agli Spid point, attivi sul territorio da marzo 2021, previo appuntamento da prenotare al numero 0522 1696010 o scrivendo a spidpoint@comune.re.it, nei seguenti orari: lunedì 9.30-12.30, martedì 15-18, giovedì 15-18, venerdì 9.30-12.30.

Dopo la pre-registrazione, è necessario farsi riconoscere. Trattandosi di uno strumento di identità che dà accesso a dati sensibili ed estremamente personali, è infatti obbligatorio che un operatore certificante possa associare in maniera certa e incontrovertibile lo Spid alla corrispondente persona fisica.

Le modalità previste sono: il riconoscimento ‘de visu’ presso uno sportello abilitato, la firma digitale, la Carta nazionale dei servizi o la Carta di identità elettronica 3.0, la registrazione di un audio/video e un bonifico bancario simbolico. L’elenco degli sportelli abilitati al riconoscimento de visu è consultabile su www.comune.re.it/spid.

Funzionano come Spid point (assistenza per la registrazione), in punti diversi della città, la sede Arci di viale Ramazzini 72, il Centro sociale Orologio in via Massenet 19, la sede di Libera di via Brigata Reggio 22/N (Auser provinciale), la Sala civica di Rivalta in via Sant’Ambrogio 2, il Laboratorio aperto ai Chiostri di San Pietro, in via Emilia San Pietro 22. Da mercoledì 1 dicembre si è aggiunto alla rete un sesto sportello, lo Spazio Bismantova 13 in Via Bismantova 13 grazie all’adesione dell’associazione Cinqueminuti.

Per la fase di riconoscimento fisico, che avviene sempre su appuntamento, i cittadini possono rivolgersi agli sportelli Spid certificati: l’Ufficio comunale per le Relazioni con il pubblico, le farmacie comunali e una serie di altri sportelli presenti sul territorio.

 

NUMERI SUGLI ACCESSI AGLI SPID POINT – Da marzo 2021, quando è stata attivata la rete di sportelli SPID, sono state 970 – di cui 426 uomini (44%) e 544 (56%) donne – le persone che si sono rivolte agli sportelli decentrati sul territorio per ottenere in una prima fase del progetto assistenza nella registrazione online e in una seconda fase anche assistenza nell’utilizzo dell’identità digitale.

 

 

 









Articolo precedenteAiutare i bambini nella loro crescita umana, al via il progetto ‘Scuola delle emozioni’
Articolo successivoAusl IRCCS Reggio Emilia: premiata una ricerca IRCCS sulla dignità di pazienti e operatori durante la pandemia