Home Castelfranco Emilia Castelfranco Emilia, tutto pronto per “Castelmondo”, la rassegna cinematografica curata dalla rivista...

Castelfranco Emilia, tutto pronto per “Castelmondo”, la rassegna cinematografica curata dalla rivista Internazionale e CineAgenzia






Torna a Castelfranco Emilia “Castelmondo”, la rassegna cinematografica curata dalla rivista Internazionale e in programma dal 6 aprile al 15 giugno 2022, con proiezioni fissate il mercoledì sera, tutte gratuite, al Cinema Nuovo di Castelfranco Emilia, in via Don L. Roncagli 13. Le Mondovisioni  della rivista Internazionale scelte per la rassegna aprile – giugno 2022. Si tratta di film o documentari che toccano i temi del razzismo, del revisionismo storico, dell’emancipazione femminile, dell’emigrazione e infine della violenza declinata in abuso di potere e prevaricazione di genere.

“Cinque storie provenienti da altrettanti Paesi per conoscere realtà e situazioni internazionali di cui difficilmente abbiamo notizia attraverso i principali mass media – dichiara l’Assessore alle Politiche Giovanili Valentina Graziosi spiegando che – dopo due anni di pandemia, torniamo ad offrire alla nostra Città uno sguardo curioso verso il mondo, senza più paura. Mondovisioni ha rappresentato negli anni un modo per guardarci dentro come comunità, per approfondire tematiche non sempre facili, ma necessarie, e l’Amministrazione comunale è lieta di poter tornare nelle sale del Cinema Nuovo con questo appuntamento dopo anni così complicati. Un modo, quindi, per aprire gli orizzonti, nonostante la situazione globale tuttora ricca di tensioni, e magari osservarci anche un po’ da lontano, perché ogni storia parla anche un po’ di noi e del nostro Paese, per poi chiudere –infine – la rassegna proprio con “Stranieri?”.”

L’ultima proiezione sarà dedicata al documentario “Stranieri?” girato dal Teatro delle Ariette a Castelfranco Emilia, nell’ambito del progetto “Ex.Stra – Extracomunitari, cittadini o ex-stranieri?” finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, nell’ambito del progetto europeo Shaping Fair Cities, che ha coinvolto dieci diverse associazioni del territorio per affrontare il tema dell’esclusione sociale e della comunità.









Articolo precedenteDomenica inaugura a Castelvetro la mostra “Vi lascio la pace” con le foto di Annalisa Vandelli
Articolo successivoRicetta dematerializzata: confermata la possibilità di ritirare i farmaci prescritti presentando al banco la tessera sanitaria