“Finalmente è arrivata maggiore chiarezza sui criteri di assegnazione del gas nazionale alle
imprese. Esprimo soddisfazione per l’approvazione del nostro emendamento, a mia prima firma, al decreto Energia che consente di circoscrivere in maniera puntuale il perimetro delle aziende energivore a prevalente ciclo termico che possono beneficiarne.

Era fondamentale che si definisse Il sistema di assegnazione rivolto ai clienti finali industriali a forte consumo di gas naturale, definiti con apposito decreto del Mite, anche in forma consortile, prevedendo che almeno un terzo delle quantità disponibili sia rivolto alle pmi.

La Lega, come promesso, lavora per permettere ai distretti energivori in ginocchio – come quello della ceramica di Sassuolo e Reggio Emilia – di rimanere aperti e competitivi e di consentire all’industria italiana, nelle sue diverse articolazioni, di affrontare le sfide della
transizione energetica anche in questo quadro generale emergenziale”.

Cosi’ la deputata della Lega Benedetta Fiorini, segretario della commissione Attività  produttive e prima firmataria dell’emendamento approvato.









Articolo precedenteUcraina: i giovani profughi che frequentano le medie e le superiori in Emilia-Romagna viaggiano gratuitamente su bus e treni regionali per tutto il 2022
Articolo successivoNel reggiano il forte vento provoca rami e alberi pericolanti. Zona pedecollinare la più colpita