Gli esperti delle artoprotesi si riuniscono a Modena, per il VII Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana di Riprotesizzazione, presieduto dal prof. Fabio Catani – Direttore dell’Ortopedia e Traumatologia dell’AOU di Modena e docente UNIMORE e dal prof. Antonio Capone dell’Università degli Studi di Cagliari.  Vicepresidenti, il prof. Giuseppe Porcellini, ortopedico dell’AOU di Modena e docente UNIMORE e il prof. Pietro Cavaliere, dell’Istituto Ortopedico di Messina e Reggio Calabria. L’evento di svolge oggi, venerdì 8 aprile e domani, sabato 9 aprile al Forum Monzani.

Il convegno è stato aperto dai saluti delle autorità, tra cui il Magnifico Rettore di UNIMORE, Carlo Adolfo Porro, il Direttore Generale dell’AOU di Modena Claudio Vagnini, il Sindaco di Modena e Presidente della CTSS Gian Carlo Muzzarelli. Dopo i saluti delle autorità è stato osservato un minuto di silenzio per le vittime della guerra in Ucraina.

Nella prima sessione un panel multidisciplinare di esperti affronterà le attuali problematiche relative alla diagnosi ed ai criteri di scelta del trattamento: indagini di laboratorio e strumentali, terapia antibiotica sistemica e locale, ruolo dei biomateriali, attuali linee guida di diagnosi. Nelle altre 3 sessioni autorevoli relatori nazionali ed internazionali esporranno la loro esperienza ed i loro risultati sui vari trattamenti chirurgici di revisione proposti per la risoluzione dell’infezione nelle artroprotesi di anca, ginocchio e spalla. Il Congresso prevede letture frontali, discussioni tra esperti, una tavola rotonda sul ruolo del cemento antibiotato nel trattamento delle infezioni e la presentazione di casi clinici per un confronto interattivo con i partecipanti. E’ stata organizzata inoltre, con la collaborazione di AISOT, una sessione di comunicazioni per gli specializzandi al fine di poterli incentivare ad approfondire l’argomento e riportare l’esperienza delle Scuole Italiane.

Tra gli ospiti internazionali saranno presenti Javad Parvizi (Rothman Orthopaedic Institute, Philadelphia, USA), Daniel Kendoff (Helios Klinikum, Berlino, Germania) e Christof Berberich (Wehrheim, Germania).









Articolo precedenteCinque laboratori con giovani talenti del territorio
Articolo successivoIl 10 aprile a Modena è domenica ecologica