È stato approvato lo scorso 14 aprile dal Consiglio comunale di San Felice sul Panaro il bilancio di previsione 2022- 2024 che ammonta a 29.072.669 euro, di cui 18.438.541 per investimenti in conto capitale e 10.634.128 per spese correnti. Il documento risente delle eccezionali difficoltà del momento che stiamo vivendo tra pandemia, guerra in Ucraina e significativo aumento dei costi dell’energia (gas, teleriscaldamento, energia elettrica) che impattano fortemente sul Comune.

Prosegue comunque la ricostruzione pubblica con il progetto del secondo stralcio dei lavori della Rocca Estense, la ricostruzione della Torre dell’Orologio, la progettazione del Teatro Comunale. Previsti anche il trasferimento del terreno all’Ausl per la costruzione della Casa della Comunità, l’acquisizione dell’edificio ex Picchio con progettazione PNRR per trasformarlo in alloggi per persone fragili, la convenzione con il Comune di Poggio Rusco (Mn) per l’ottenimento di cinque milioni di euro dal PNRR per rigenerazione urbana, la riqualificazione dello stabile della ex scuola elementare di via Muratori. Programmati inoltre interventi di manutenzione per le strade bianche comunali, con messa in sicurezza in località La Scavrona (via Granarolo, San Biagio), in via Canina, via Galeazza, via Scappina esterna. Lavori di implementazione e messa in sicurezza anche delle ciclabili di Tangenziale Nord, via Tassi, e del tratto finale via Ronchetti – via Repubblica.

Per poter continuare a erogare i servizi ai cittadini e chiudere il bilancio, l’Amministrazione comunale è stata costretta a un lieve ritocco dell’addizionale Irpef, un leggero rincaro che peserà mediamente per 30 euro fino a 80 euro circa all’anno, per le quattro fasce di reddito Irpef con l’esenzione fino a 10.000 euro. Qualora necessario, comunque, l’assessorato ai Servizi sociali predisporrà eventuali misure di sostegno straordinario, canalizzando bandi per l’aiuto ai soggetti più deboli sia per il pagamento delle utenze sia per il pagamento dei servizi scolastici. Si è trattato di una decisione non facile, ma la situazione debitoria del Comune di San Felice sul Panaro non consentiva alternative, visto che le precedenti Amministrazioni comunali avevano sempre scelto di spostare in avanti il pagamento dei mutui (che ammontano allo stato attuale a 18.862.544 euro interessi compresi), demandando ad altri la risoluzione di un problema debitorio, divenuto nel tempo insostenibile. I bilanci però vanno redatti basandosi su numeri ed entrate certi: nel caso arrivassero ulteriori risorse saranno investite nella riduzione dell’indebitamento e per fornire ulteriori servizi ai cittadini.

 

 









Articolo precedenteCovid, sono 65 i ricoveri in AOU di Modena (gli stessi di venerdì scorso)
Articolo successivoGestori di imprese di trasporto merci e viaggiatori: a Modena entro il 10 maggio le domande alla Provincia