Come ogni primavera il Comune ha avviato azioni contro insetti vettori di malattie, specie la cosiddetta “zanzara tigre”: in particolare un’ordinanza in vigore fino al 31 ottobre comprendente prescrizioni obbligatorie per tutti, una campagna informativa con distribuzione di prodotti larvicidi, e interventi diretti su parti pubbliche.

PRESCRIZIONI – Riguardano chiunque abbia l’effettiva disponibilità di spazi aperti dove possa ristagnare acqua piovana o di altra natura e precisamente « tutti i cittadini e i soggetti pubblici e privati, proprietari, affittuari »: costoro dovranno impedire il formarsi di ristagni d’acqua, evitando l’abbandono definitivo o temporaneo di contenitori di qualsiasi natura e dimensione, e chiudendo con rete zanzariera o coperchio a tenuta contenitori che siano in uso ai titolari; trattare periodicamente con « prodotti di sicura efficacia larvicida » l’acqua presente in tombini, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, e in qualunque altro contenitore non eliminabile (fontane e piscine non in uso, tombini in scantinati e parcheggi sotterranei ecc.); tenere sgombri i cortili e le aree aperte da erbacce, sterpi, e rifiuti di ogni genere, e gestirli in modo da evitare il ristagno di acqua; svuotare le fontane e le piscine non in esercizio o eseguire adeguati trattamenti larvicidi. Altre prescrizioni riguardano gli obblighi degli amministratori condominiali, indicazioni per i cimiteri, adempimenti di Aimag. L’inosservanza delle norme comporta sanzione da 50 a 300€. Il Comune da parte sua, « per evitare effetti collaterali indesiderati derivanti dalla dispersione di insetticidi nell’ambiente », non userà trattamenti adulticidi se non costretto da rischio sanitario (malattie come Chikungunya, Dengue, Zika, West Nile).

CADITOIE – Una ditta incaricata dal Comune (Rentokil Initial srl) disinfesterà ogni mese le circa 16.000 caditoie in aree pubbliche, che però son solo il 30% del totale.

INFORMAZIONE – Ricomincia la distribuzione gratuita di larvicidi e volantini, ritirabili nella sede di via Peruzzi 2 (lunedì-sabato 10:30-12:30) e, in piazza dei Martiri (casetta di legno ore 9-12) i giovedì 28 aprile e 12 maggio, in collaborazione con Ceas e Gev.

PROGETTI – Sempre con Ceas e Gev, a potenziamento della campagna generale si ripete in maggio e giugno il progetto informativo “Porta a Porta” nelle zone limitrofe a scuole e nidi d’infanzia; a Gargallo invece sarà sperimentata la sterilizzazione dei maschi adulti.

Informazioni dettagliate e moduli per il ritiro dei prodotti sono sul sito del Comune.









Articolo precedente“Un albero per il futuro”: i Carabinieri per la Biodiversità nelle Scuole di Modena
Articolo successivoStrade di pianura, al via il piano di sfalcio dell’erba. Mezzi della provincia al lavoro a Nonantola e Finale