È stata formalizzata nei giorni scorsi la donazione di un simulatore per prelievo di cornee all’Ospedale di Guastalla. L’attrezzatura è stata donata in memoria di Lorenzo Iemmi (deceduto per Covid in terapia Intensiva a Guastalla nel 2020) dalla moglie Duetta Magnani e dai figli, Barbara e Marcello Iemmi. All’acquisto dello strumento hanno partecipato parenti e conoscenti con donazioni al momento del funerale. Il simulatore “Cordelia” Bioniko, è stato acquistato negli Stati Uniti per la cifra di 1.878 euro ed è corredato di 40 pezzi corneali.

Lo strumento servirà agli anestesisti-rianimatori del servizio di Terapia intensiva, che non sono oculisti, per imparare a prelevare le cornee, nei pazienti deceduti in ospedale purchè idonei secondo le Linee Guida per la selezione del donatore. La cornea è infatti un tessuto molto delicato, il prelievo deve essere attento, pena l’impossibilità di trapiantarla nel ricevente che ne ha bisogno per recuperare la vista.

In accordo con la famiglia l’attrezzatura è stata dotata di una targa commemorativa: “In ricordo di Lorenzo Iemmi”. La scritta, che è stata apposta sulla cassetta di sicurezza in cui sarà riposto lo strumento, è stata stampata dalla tipografia digitale Fotolito Delta di Guastalla, che ha voluto contribuire alla donazione eseguendo il lavoro gratuitamente.

Il dono, maturato in un momento di grande sofferenza non ancora affievolita per la perdita di una persona cara, ha una valenza straordinaria perché concorrerà a offrire conforto alle persone che sono in attesa di atti di generosità che diano loro la possibilità di riacquistare la vista. Sono in molti infatti ad attendere un trapianto di cornea; grazie a questo gesto la famiglia Iemmi potrà contribuire al recupero della vista di tanti pazienti.

Il momento della consegna è stato emotivamente intenso: la famiglia ha letto una lettera (in allegato) ed è stata letta dagli operatori una poesia. Erano presenti il dottor Giorgio Mazzi, Direttore del Presidio ospedaliero provinciale Santa Maria Nuova e la dottoressa Maria Chiara Rompianesi per la Direzione sanitaria. Hanno partecipato i dottori Francesco Legittimo e Linda Giovanelli per la Terapia Intensiva e la dottoressa Uliana Ferrari, coordinatore locale donazioni organi e tessuti.

Il dottor Mazzi ha ringraziato di cuore quanti hanno partecipato alla donazione e in particolare la famiglia Iemmi che ha trasformato un momento di grandissimo dolore in un’occasione per essere solidale con altre persone che soffrono. “Grazie per la sensibilità, la generosità e per l’attenzione alle esigenze dei malati e dell’ospedale di Guastalla”.









Articolo precedenteCastelfranco Emilia, al via le iscrizioni per i nidi: aumento del 43% dei posti disponibili per l’offerta educativa
Articolo successivoPiazzale Europa 1 – Presentate le opere di riqualificazione che ne fanno una nuova piazza per il quartiere e la città