Home Coronavirus Covid19, la situazione all’AOU di Modena

Covid19, la situazione all’AOU di Modena






Ad oggi, sono presenti in Azienda 87 pazienti con riscontro di tampone positivo di cui: 83 ricoverati in degenza ordinaria (di questi, 57 sono al Policlinico, 26 a Baggiovara), 2 in terapia semintensiva (tutti al Policlinico) e 2 in terapia intensiva (tutti al Policlinico).

Se confrontiamo il dato di oggi con quello di venerdì scorso, 22 aprile, notiamo che i ricoveri sono aumentati nel complesso di 10 unità, che sono diminuite di 2 le terapie intensive. I dati confermano la necessità di continuare a mantenere le misure di prevenzione e di proseguire nelle attività di sorveglianza e di vaccinazione.

  29/04 22/04 Diff %
Totale 87 77 +10 + 13,0%
Ordinaria 83 71 +12 + 16,9%
Intensiva + Semintensiva 4 6 -2 – 33,3%

 

Un anno fa, 29 aprile 2021, i ricoverati erano 139 totali, dei quali 91 in ordinaria e 48 tra intensiva e semi intensiva.

Ecco un raffronto tra i due periodi:

 

  2022 2021 Diff 2022/2021 %
Totale 87 139 -52 – 37,4%
Ordinaria 83 91 -8 -8,8%
Intensiva + Semintensiva 4 48 -44 -91,7%

 

Circa 48% dei pazienti è ricoverato per le conseguenze del Covid-19, mentre il restante 52% per altre patologie, con riscontro occasionale di tampone positivo. In Terapia intensiva e semintensiva dove ad oggi il 50% dei pazienti positivi è ricoverato per complicanze cliniche da malattia COVID-19.

L’età media dei pazienti ricoverati per le conseguenze del Covid-19 è 74 anni, che scende a 50 per coloro che non hanno completato il ciclo vaccinale e sale a 79,65 per i vaccinati.

Il 17,37% dei pazienti ricoverati per le conseguenze del Covid-19 non è vaccinato. In terapia intensiva e semintensiva – sempre limitandoci ai pazienti ricoverati per le conseguenze Covid-19 – il 50% non è vaccinato, gli altri hanno complessivamente quadri di pregressa fragilità.









Articolo precedenteSabato 7 maggio ponte Veggia chiuso dalle 8 alle 12
Articolo successivoAl via nei luoghi dedicati alle Persone fragili il ciclo di concerti “La musica senza barriere”