Home Castelfranco Emilia Ecco il progetto MetroCastelfranco

Ecco il progetto MetroCastelfranco





Usa la Metropolitana Urbana Pedonale. E’ questo il “claim” che accompagna il progetto delle metropolitane urbane pedonali di Castelfranco, Piumazzo, Gaggio di Piano e San Cesario sostenuto, lo ricordiamo, dall’Unione del Sorbara e dallo stesso Comune di Castelfranco.

Un’iniziativa finalizzata da un lato a contrastare la sedentarietà, dall’altro a sostenere il movimento a piedi, e che ora allarga ulteriormente i propri orizzonti dotandosi di uno strumento in più, l’App MuoviCastelfranco collegata al sito www.muovicomune.it/metrocastelfranco, un vero e proprio progetto di comunità che adotta il binario MetroCastelfranco con un obiettivo in più: sostenere anche chi è affetto da ludopatia e dal gioco d’azzardo compulsivo. Quest’applicazione, infatti, seguendo le tabelle posizionate in questi giorni lungo le sette “stazioni” che costituiscono il “binario” di Castelfranco, permette di “giocare” calcolando i tempi, le velocità di spostamento da una “stazione” all’altra e la resa in salute. In ognuna di queste tabelle, oltre le linee-guida, campeggia poi anche il messaggio di richiamo e di accoglienza destinato a chi è affetto da disturbo del gioco d’azzardo.

“Essere fisicamente attivi è essenziale per cuore, mente e corpo, a ogni età e con ogni abilità.

L’attività fisica previene e cura decine di malattie, pur non sostituendo i farmaci. E a un costo ridotto, senza effetti collaterali – dichiara Nadia Caselgrandi, Vicesindaco e Assessore al Welfare del Comune di Castelfranco Emilia sottolineando come il movimento aiuti anche sul fronte delle – funzioni cognitive e sull’umore: camminare è infatti un potente antidepressivo naturale, oltre che portare benefici anche in caso di malattie cardiovascolari, metaboliche e neoplastiche. Ed è proprio concentrandoci su tutti questi aspetti positivi che abbiamo deciso di allargare il raggio d’azione puntando anche a sostenere chi è finito suo malgrado nella dipendenza da gioco, grazie al bel contributo fornito dal Prof. Luciano Rizzi di CittàAttiva cui va la nostra gratitudine per aver pensato e realizzato questa nuova Applicazione, oltre a tutto il percorso della cosiddetta metro pedonale”.

“Una bella iniziativa che racchiude al suo interno alcuni ingredienti per noi essenziali: lo sport, il benessere psico-fisico, la tecnologia digitale e le nuove piattaforme comunicative, tutti elementi uniti tra loro da un robusto fil rouge altrettanto essenziale, quello dell’inclusione – afferma Leonardo Pastore, Assessore allo Sport, alla Comunicazione e all’Innovazione tecnologica del Comune di Castelfranco Emilia ribadendo che – non ci stancheremo mai di sostenere in maniera fattiva l’attività sportiva, a tutte le età e per tutto il territorio. Lo facciamo con gli investimenti strutturali che abbiamo pianificato, ma anche sostenendo e abbracciando progetti come questo, una vera e propria infrastruttura immateriale a beneficio dell’intera comunità”.

“Non possiamo che condividere la scelta di Castelfranco di sposare questo progetto: da quasi un anno anche San Cesario ha attivato la app e la rete di percorsi con MetroSanGer con oltre 500 persone che partecipano al gruppo Facebook per coordinare i treni in partenza – il commento di Francesco Zuffi, Sindaco di San Cesario sul Panaro e Presidente dell’Unione dei Comuni del Sorbara -. È senz’altro un’occasione per promuovere buone pratiche per la salute insieme alla conoscenza del territorio. Da presidente dell’Unione sono molto contento che il progetto si sia espanso anche nei comuni limitrofi creando occasioni di incontro e interscambio anche a livello sovracomunale”.

 









Articolo precedenteFormazione, come costruire le competenze necessarie per la transizione “green”: la Regione sottoscrive un protocollo d’intesa con l’Agenzia nazionale per le politiche attive per il lavoro
Articolo successivoBologna tra le 20 città del mondo selezionate per lavorare su una città a misura di bambini e bambine