Dal 6 all’8 maggio 2022, a Reggio Emilia prende il via il festival diffuso Welcome stories – Questo albergo è una casa, nato da un’idea dello scrittore Piergiorgio Paterlini – che ne è il curatore e il direttore artistico – e promosso dal Comune di Reggio Emilia con la Fondazione Palazzo Magnani. Welcome Stories ha le caratteristiche di un Festival letterario, di una residenza artistica, di una rassegna culturale ma la sua definizione esatta sfugge perché l’iniziativa è soprattutto un punto di partenza da cui far nascere storie, raccontare e promuovere Reggio Emilia, il suo territorio e la sua peculiarità nell’accogliere le persone.

La prima edizione di questo evento culturale composito dedicato alla letteratura si svolgerà nei mesi di maggio, ottobre e novembre 2022 e prevede di accogliere uno scrittore o una scrittrice per un intero weekend in una delle strutture alberghiere di Reggio Emilia. Durante questo soggiorno, non solo gli ospiti incontreranno il pubblico di lettori in più tappe ma saranno chiamati a vivere tre giornate nella città, che diventerà la casa temporanea nella quale nascerà un racconto lungo.

I racconti prodotti, tradotti anche in lingua inglese, saranno pubblicati da Corsiero editore in una plaquette disponibile gratuitamente per alcune settimane nell’albergo che ha accolto l’ospite e in seguito in nuovi punti della città (biblioteche, musei, cinema, teatri e altre sedi della cultura e dell’accoglienza) fino a raggiungere punti di distribuzione sempre nuovi e inaspettati nel territorio nazionale.

L’idea di Welcome stories è che prima uno, poi un altro, poi un altro ancora, i racconti nati dentro il progetto siano rintracciabili dai lettori come in una caccia al tesoro.

Sabrina Ragucci, Alessio Forgione e Loredana Lipperini saranno gli ospiti di questa prima edizione, come si è detto, rispettivamente a maggio, ottobre e novembre 2022.

La città, i suoi abitanti e in particolare l’albergo sono intesi come topoi narrativi per l’intreccio di trame e personaggi, luoghi dall’inesauribile potenziale immaginifico, come dimostra la storia del cinema e della letteratura.

Welcome stories debutta all’interno di una storica manifestazione culturale della città di Reggio Emilia, il Festival Fotografia Europea e continuerà il suo autonomo viaggio nei mesi successivi.

IL PROGRAMMA DEL PRIMO APPUNTAMENTO – Protagonista del primo appuntamento di Welcome stories è Sabrina Ragucci, artista visiva e scrittrice, autrice del romanzo “Il medesimo mondo” (Bollati Boringhieri, 2020) e della serie “L’alfabeto della distruzione” che dialoga con il testo di Giorgio Falco in “Flashover” (Einaudi). Ha esposto il suo lavoro in numerose mostre monografiche e collettive, in Italia e all’estero: nel 2011 è stata tra gli artisti del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia con “Italian East Coast” (divenuto, in via definitiva, “Condominio Oltremare”). Nel 2012, con Giorgio Falco, ha pubblicato “The Collared Dove Sound” e nel 2014 “Condominio Oltremare” (L’orma). Collabora con diverse riviste on line; scrive di fotografia e arte sul “Manifesto”. Ha insegnato Storia dell’arte e della fotografia, dal 2004 al 2020 ha condotto, con Giorgio Falco, seminari sugli iconotesti.

Sono due gli incontri pubblici che vedranno protagonista Sabrina Ragucci: sabato 7 maggio, alle ore 11, all’Aula Magna di Unimore, a Palazzo Dossetti (viale Allegri) l’autrice sarà protagonista de “Il mondo di sempre”, insieme a Piergiorgio Paterlini e ad alcuni studenti dei quattro istituti superiori reggiani Chierici, Pascal, Motti e Canossa.

L’indomani, domenica 8 maggio, alle ore 11, è invece in programma l’incontro “Alfabeti. Tra letteratura e arti visive”: per l’occasione Sabrina Ragucci dialogherà con il giornalista Michele Smargiassi al Laboratorio aperto dei Chiostri di San Pietro.

 

 









Articolo precedenteApparecchiature da gioco sequestrate dall’Agenzia Accise, Dogane e Monopoli in provincia di Reggio
Articolo successivoPNRR, l’Emilia-Romagna incontra Cassa Depositi e Prestiti. Obiettivo: mettere il sistema regionale nelle condizioni di realizzare gli interventi previsti, per il lavoro e la crescita sostenibile