Home Bassa reggiana Vende generatore e si trova il conto svuotato: 80enne reggiano vittima di...

Vende generatore e si trova il conto svuotato: 80enne reggiano vittima di una truffa online






Ha fatto pubblicare una inserzione sul web per vendere a 100 euro un generatore di corrente usato, ma anziché ricevere il danaro richiesto si è ritrovato il conto svuotato di ben 1.700 euro. E’ stato infatti contattato da un sedicente acquirente, disponibile ad effettuare immediatamente il pagamento tramite ricarica del conto attraverso l’utilizzo della postazione ATM di un ufficio postale.

In contatto telefonico con il presunto acquirente la vittima, un 80enne residente nel reggiano, ha effettuato l’operazione presso l’ATM dell’ufficio postale di Novellara dove, dopo alcuni tentativi, si è sentito dire che l’azione non era andata a buon fine. Seguendo quindi le indicazioni dell’acquirente è andato presso un ATM di un ufficio postale di altro comune con lo stesso esito. Quindi, sempre seguendo i consigli del truffatore, è tornato a casa e ha preso il postamat della moglie effettuando le stesse operazioni che tuttavia avevano, a detta dell’interlocutore, lo stesso esito. “Non si preoccupi le mando i soldi a mezzo corriere, aggiungo 50 euro per il disturbo”: così ha concluso l’interlocutore prima di sparire nel nulla.

Successivamente la vittima, controllando l’estratto conto, si è accorto che con la sua carta e con quella della moglie risultavano 7 addebiti per un importo complessivo di 1700 euro, tutti concernenti ricariche di carte prepagate. Materializzato di essere rimasto vittima di un raggiro, l’80 enne si è rivolto ai carabinieri della stazione di Novellara formalizzando la relativa denuncia. Dopo le relative indagini i militari sono risaliti non solo al presunto autore materiale della truffa, un 32enne romano, ma anche ai due complici intestatari delle carte che hanno incassato i proventi, un 30enne e una 20enne, anche loro di Roma. I tre sono stati quindi denunciati per truffa in attesa che i consueti approfondimenti investigativi consentano al Giudice di verificare l’eventuale piena responsabilità.









Articolo precedenteLetta “L’Ue svolta se toglie il diritto di veto”
Articolo successivoDa sabato al Mabic “La mia arte per Gilles”