Home In evidenza Modena Al parco Amendola di Modena la panchina europea per David Sassoli

Al parco Amendola di Modena la panchina europea per David Sassoli






È stata inaugurata al parco Amendola, lunedì 9 maggio, nella giornata che ricorda la nascita dell’Europa unita, la panchina dell’Unione europea che è stata intitolata a David Sassoli, presidente del Parlamento europeo scomparso l’11 gennaio scorso.

La panchina europea, colorata di blu e decorata con le stelle dell’Unione in giallo, sulla quale è apposta una targa con la dedica a David Sassoli e la frase “L’Unione europea non è un incidente della storia”, si trova nei pressi di Loving Amendola. Alla cerimonia per l’intitolazione sono intervenuti gli assessori all’Europa Anna Maria Lucà Morandi, all’Ambiente Alessandra Filippi, ai Lavori pubblici Andrea Bosi; Rocco Strangi, segretario del Movimento federalista di Modena; Andrea Marini, segretario di Gioventù federalista di Modena.

Nel corso dell’iniziativa, i partecipanti hanno donato alcuni libri, di storie, argomenti e approfondimenti legati all’Europa, che saranno a disposizione di tutti gli interessati nella cassetta del book crossing del Loving Amendola.

L’iniziativa è stata promossa da Movimento e Gioventù federalista di Modena in collaborazione con il centro Europe Direct del Comune di Modena e con Loving Amendola, Associazione Mazziniana Italiana, Unione universitaria Acli, Libera, Modena terzo mondo.

L’intitolazione della panchina europea a David Sassoli, che nel 2020 aveva concluso con un video messaggio la sesta edizione della Summer school Renzo Imbeni promossa dal Comune, faceva parte di “Maggio mese dell’Europa”, il programma di iniziative per la Festa dell’Europa promosso dal Centro Europe Direct del Comune di Modena (www.comune.modena.it/europe-direct/progetti-e-attivita/maggio-mese-delleuropa).









Articolo precedenteVerso lo Smart eco district: approvato dalla Regione un finanziamento per la progettazione
Articolo successivoVia al piano di contenimento delle nutrie al parco Ferrari di Modena