Home Cronaca Pomeriggio di controlli anticrimine della Polizia di Stato a Modena

Pomeriggio di controlli anticrimine della Polizia di Stato a Modena






Proseguono i controlli della Polizia di Stato in centro e nelle zone Novi Sad, Tempio e Gramsci. Nel pomeriggio del 10 maggio e fino a sera, è stato effettuato un servizio straordinario, coordinato dal Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, che ha potuto disporre, in aggiunta alle pattuglie della Squadra Volante, di tre equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato.

Il servizio, finalizzato alla prevenzione e al contrasto del crimine diffuso con particolare attenzione ai reati predatori, allo spaccio di sostanze stupefacenti e all’immigrazione clandestina, ha interessato dapprima la zona Tempio – Stazione Ferroviaria, dove stati predisposti anche posti di controllo, lungo via Montecuccoli e via Caduti in Guerra.

Il dispositivo si è quindi spostato presso il parco Novi Sad e successivamente al parco XXII Aprile, all’interno dei quali sono stati effettuati anche pattugliamenti appiedati. Il servizio è poi terminato in zona Gramsci.

Un uomo, trovato in possesso di alcune dosi di sostanza stupefacente ad uso personale durante un controllo in viale Vittorio Veneto, è stato sanzionato e segnalato alla Prefettura quale assuntore, con contestuale ritiro della patente di guida.

84 le persone complessivamente identificate, di cui 25 di nazionalità straniera e 50 gli autoveicoli controllati. Le verifiche sono state estese ad alcuni esercizi pubblici, senza rilevare irregolarità.

La Squadra Mobile ha tratto in arresto un cittadino straniero di 35 anni in esecuzione di un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma. L’uomo deve espiare una pena di anni 2 mesi 5 giorni 6 per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Al termine delle incombenze di rito è stato associato presso la casa circondariale di Modena.









Articolo precedentePubblico impiego: nuovo contratto nazionale per quasi mille dipendenti reggiani di ministeri, agenzie fiscali, enti pubblici non economici
Articolo successivoIl fine settimana di Reggionarra si apre con una passeggiata festosa per le vie del centro storico