Home Modena Una rappresentanza del Modena Calcio è stata in visita al Mercato Albinelli

Una rappresentanza del Modena Calcio è stata in visita al Mercato Albinelli





L’attaccante gialloblù, Mattia Minesso, e il direttore sportivo, Davide Vaira, hanno ricevuto una targa celebrativa per la promozione in serie B e buoni spesa da parte del Mercato, mentre diversi commercianti, tifosi dei canarini, e clienti dell’Albinelli hanno festeggiato insieme la storica stagione dei gialloblù.

“E’ stato un anno incredibile, siamo contenti di aver regalato alla città di Modena la serie B – ha sottolineato il bomber gialloblù Mattia Minesso -. La città ci ha sostenuto e i tifosi ci hanno dato una mano determinante per arrivare a conquistare questo traguardo. Sono contento di essere qui al Mercato Albinelli, che rappresenta un punto di riferimento per noi giocatori (abito qui vicino e ci vengo spesso) e per tutti i modenesi”.

Il direttore sportivo, Davide Vaira, ha aggiunto: “La rivalità con la Reggiana ha dato ancora più pepe a una sfida che ha coinvolto tutta la città. A fine stagione ci siamo veramente fusi con i tifosi e con tutta Modena, aver dietro questa forza ha fatto la differenza. La serie B è un risultato che vale tanto anche per tutta la comunità di Modena, ed è giusto venire in luoghi simbolici come il Mercato Albinelli e altri, a salutare e a farci conoscere dai modenesi”.

L’assessora allo Sport del Comune di Modena, Grazia Baracchi, ha chiosato: “E’ stata una annata sportiva indimenticabile e un momento di grande festa per tutta Modena. Una gioia in un anno particolarmente difficile”. La conclusione è per Andrea Solieri, presidente del Consorzio Mercato Albinelli: “Come Mercato siamo felici che il Modena sia andato in B: qui ci sono tanti ambulanti che tifano per i canarini e siamo davvero orgogliosi di aver avuto in visita una rappresentanza dei canarini”.

 









Articolo precedenteGiornata della legalità, iniziativa dell’Ipsia Corni: sabato 14 maggio incontro con Alessandro Gallo
Articolo successivoGiornata mondiale contro l’omotransfobia, le iniziative a Reggio Emilia