Home Ambiente Parco Santacroce: 5.000 visitatori nella due giorni di festa per la fine...

Parco Santacroce: 5.000 visitatori nella due giorni di festa per la fine della grande forestazione






Tantissimi i visitatori accorsi per vedere e vivere il grande polmone verde di Carpi. Parco Santacroce si è aperto alla città per festeggiare la fine della massiccia forestazione voluta ed eseguita dalla Fondazione CR Carpi per dotarlo di un capitale verde di 10.000 piante. Durante il weekend, sono stati infatti oltre 5.000 gli accessi al parco, divenuto un polmone verde a ridosso del centro urbano, ampio 26 ettari e potenziato in biodiversità, specie antiche e in via di estinzione.

Nelle parole del presidente Corrado Faglioni, la soddisfazione per il traguardo raggiunto e i ringraziamenti ai tanti volontari e studenti del territorio che nel weekend scorso hanno animato la vasta area verde e intrattenuto i visitatori in attività ricreative, didattiche e di esplorazione. “Ringrazio le associazioni di volontariato e le scuole che hanno organizzato con impegno e con entusiasmo le attività del weekend nel grande Parco – sottolinea il presidente della Fondazione CR Carpi, Corrado Faglioni. Devo dire che i complimenti dei visitatori sono stati innumerevoli e la partecipazione al di sopra di ogni più rosea previsione. Complessivamente nei due giorni di festa abbiamo avuto oltre 5.000 visitatori. Un successo – spiega il presidente Faglioni – che apre grandi prospettive al parco che ha richiamato tante persone anche se ancora carente di tante infrastrutture. Crediamo che questo parco per Carpi sia una grande opportunità. La Fondazione ci ha creduto e oggi possiamo già parlare di successo! Grazie a tutti coloro che hanno partecipato, – conclude il presidente della Faglioni – grazie al volontariato e grazie ai cittadini che assieme a noi decreteranno il successo di Parco Santacroce”.









Articolo precedenteJohn Surman e Vigleik Storaas Duo in concerto venerdì 20 maggio all’Asioli di Correggio
Articolo successivoWebuild, Salini “Sud una frontiera, trasformare fondi Pnrr in cantieri”