Home Mobilità Sassuolo nel circuito FIAB Comuni Ciclabili: confermate le tre “bike smile”

Sassuolo nel circuito FIAB Comuni Ciclabili: confermate le tre “bike smile”





Confermate le tre “bike smile” a Sassuolo nella speciale graduatoria FIAB Comuni Ciclabili, la cui cerimonia si è tenuta nella giornata di sabato 28 maggio. Sassuolo, entrata nel circuito FIAB Comuni Ciclabili nel 2019, era passata da 2 a 3 “Bike Smile” grazie alle azioni messe in campo: approvazione PUMS, Biciplan intercomunale e di nuove ciclopedonali.

L’iniziativa, promossa dalla Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta e giunta alla quarta edizione, valuta e attesta il grado di ciclabilità dei comuni italiani, accompagnandoli in un percorso virtuoso verso politiche bike friendly. Ogni anno le amministrazioni hanno tre “finestre” per poter rinnovare o candidare ex-novo la loro presenza nella rete FIAB-Comuni Ciclabili: a inizio anno, a maggio e a luglio, momento di chiusura ufficiale dell’edizione.

Ad oggi le realtà FIAB-Comuni Ciclabili nel nostro Paese sono rappresentative di quasi 9,5 milioni di abitanti ovvero più del 15% della popolazione italiana.

Salgono a 8 i capoluoghi di provincia dell’Emilia Romagna su cui sventola la bandiera gialla di FIAB-Comuni Ciclabili: città che hanno aderito al progetto nel corso delle passate edizioni, rinnovando di anno in anno la loro presenza nel circuito. A Reggio Emilia è stato assegnato il punteggio massimo di 5 bike-smile esattamente come Ferrara, Ravenna e, da oggi, anche Rimini, città che si è guadagnata la promozione grazie a scelte virtuose in tema di mobilità ciclabile, a partire dalla realizzazione del parco del Mare, un nuovo modello di riviera intesa come spazio pubblico verde, totalmente libero dalle auto e dall’asfalto.

Il punteggio di 4 bike-smile, confermato per Parma e Piacenza, è stato raggiunto quest’anno anche da Bologna, prima grande città ad aderire in Italia a FIAB-Comuni Ciclabili e che, finalmente, ottiene la promozione frutto di tanti piccoli miglioramenti diffusi in molti ambiti, compreso l’ampliamento della rete ciclabile di ben 8 km ricorrendo largamente ai nuovi strumenti leggeri del Codice della Strada (corsie ciclabili, ecc.) e la sperimentazione dei cuscini berlinesi (piccoli dossi stradali propedeutici a ridurre la velocità veicolare in alcune zone della città).

Confermato per Modena il punteggio di 3 bike smile dello scorso anno.

Il riconoscimento attribuisce alle località e ai loro territori un punteggio da 1 a 5 assegnato sulla base di diversi parametri e indicato sulla bandiera gialla con il simbolo dei bike-smile. Quattro le aree di valutazione. Per accedere il comune deve possedere almeno un requisito nelle aree “mobilità urbana” (ciclabili urbane/infrastrutture e moderazione traffico e velocità), “governance” (politiche di mobilità urbana e servizi) e “comunicazione & promozione”, mentre non è obbligatorio per la valutazione d’accesso il requisito nell’area “cicloturismo”. Ulteriori parametri presenti nel territorio e/o nelle attività promosse dell’amministrazione nei quattro ambiti di valutazione, contribuiscono alla definizione del punteggio assegnato.









Articolo precedenteIn ricordo di Bruno Losi
Articolo successivoChiusura del ponte di S. Ambrogio, le Associazioni: “Irrispettosa la modalità di questa decisione”