Home Fiorano Fiorano, presentato il progetto per la realizzazione di un libro e di...

Fiorano, presentato il progetto per la realizzazione di un libro e di un video dedicati a Don Eligio Silvestri





Ieri sera si è svolta al Salone del Pellegrino del Santuario Diocesano di Fiorano la presentazione del progetto che porterà entro l’anno alla realizzazione di un libro e di un video dedicati a Don Eligio Silvestri, parroco a Fiorano dal 1979 al 1997, ma comunque a Fiorano legato negli anni della sua missione in Brasile, a Itaberai, favorendo il patto di amicizia che ha legato le due comunità.

In apertura dell’incontro conviviale di autofinanziamento, sono intervenuti Don Giuseppe Albicini, Egidio Pagani del gruppo organizzatore, Filippo Ferrari e Alberto Venturi della redazione, l’assessore Luca Busani per il saluto dell’amministrazione comunale. Infatti Don Eligio è stato insignito della cittadinanza onoraria nel 2012. Erano presenti il parroco Don Antonio Lumare e Don Valter Tardini.

Il gruppo organizzatore chiede l’aiuto di quanti lo hanno conosciuto, fornendo testimonianze, immagini e video che saranno utilizzati per il libro e per il video e saranno raccolti in un fondo da conservare nell’archivio parrocchiale.

Chi vuole contribuire alle spese può effettuare un versamento alla Parrocchia di Fiorano, causale ‘Per libro Don Eligio’,  Codice Iban: IT92E0503466760000000006096, Banco BPM spa, Filiale di Fiorano Modenese

Testimonianze, immagini e video possono essere inviati a segreteria@parrocchiadifiorano.it e/o a venturigiornalista@libero.it. Per informazioni, chiarimenti e possibilità di incontro per interviste, telefonare a 328.64.03.477 (Alberto Venturi), oppure in Segreteria Parrocchiale (0536.58.07.60) negli orari di apertura: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.30 alle ore 11.30; giovedì dalle ore 17 alle ore 19.

Un invito particolare è rivolto a chi lo ha conosciuto nelle altre parrocchie modenesi dove ha svolto il suo ministero: Acquaria, Albareto, Castelnuovo Rangone, Cognento, Fiorano, Fogliano, Gaggio di Castelfranco (dove è nato), Ganaceto, Montecreto, Magrignana, Nirano, Rivara, Rocca Santa Maria, S. Lazzaro, San Pio X, Sant’Anna di San Cesario, Spezzano.









Articolo precedenteLa ripresa economica nella città metropolitana di Bologna, presentati i dati Unioncamere
Articolo successivoCastelsport fa il pieno di atleti: 410 gli iscritti da 5 comuni