Home Modena Nonantola, alla Torre dei Modenesi la mostra: “Correndo nel tempo” dedicata alle...

Nonantola, alla Torre dei Modenesi la mostra: “Correndo nel tempo” dedicata alle corse automobilistiche dal 1920 al 1950





E’ aperta fino al 30 giugno 2022 a Nonantola, nella suggestiva cornice della Torre dei Modenesi, la mostra delle pitture fotografiche di Gennaro Graziano dedicate alle corse automobilistiche dal 1920 al 1950.
Anche la Pro Loco di Nonantola si è attivata in occasione dell’evento “OMAGGIO A GILLES VILLENEUVE, ICONA SENZA TEMPO”, il ricordo dedicato al pilota canadese entrato nel mito, che i Comuni di Nonantola e Maranello hanno promosso e organizzato col sostegno di Fondazione di Modena, a cura di Vision Up.

Attraverso una serie di opere dell’artista Gennaro Graziano, specializzato in una particolare tecnica di pittura su immagini fotografiche, la mostra propone una storia delle corse automobilistiche del 1920 al 1950. Graziano, con le sue originali pitture fotografiche, riesce a conquistare l’attenzione e l’apprezzamento degli appassionati di automobilismo che in arrivo a Nonantola.

 

Informazioni

La mostra, allestita nella Torre dei Modenesi in via Roma 10/A a Nonantola,  è visitabile, a ingresso libero, fino al 30 giugno, nei giorni lunedì e sabato dalle 10 alle 12, martedì, mercoledì e giovedì dalle 17 alle 19.

Inoltre la Pro Loco di Nonantola si è fatta promotrice di una terza iniziativa, con la riproduzione e la distribuzione nei negozi di una cartolina tratta dall’opera di Gennaro Graziano dedicata a Villeneuve ed attualmente esposta a Maranello nella mostra “LA MIA ARTE PER GILLES”.

 

A tavola con Gilles (e gli altri): menu a tema in 10 ristoranti di Nonantola

Si chiama “A TAVOLA CON GILLES (E GLI ALTRI)” l’iniziativa proposta dal Comune di Nonantola, in collaborazione con la Pro Loco. Si tratta di una originale proposta che consisterà nell’offerta, da parte dei ristoranti e locali nonantolani aderenti, di particolari menu comprendenti i piatti preferiti dagli assi del volante, dei ferraristi in particolare, selezione certificata come autentica e garantita da Lauro Malavolti, già titolare dello storico Da Lauro vero tempio gastronomico dell’automobilismo sportivo modenese e dal prezioso e frizzante volume “FERRARI A TAVOLA” di Sergio Cassano, con l’autorevole fonte di Franco Gozzi.

I piloti avevano le loro preferenze e allora scopriremo che le scelte degli assi della Formula Uno non sempre erano da perfetti gourmet, anzi a volte erano davvero stravaganti. Ovviamente vi è sempre stato, in tutte le epoche, un trionfo di tortellini (come poteva essere diversamente?) in particolare per Renè Arnoux, Jean Alesi e molti altri, compreso Gilles Villeneuve, anche se, a onor del vero, l’aviatore, preferiva tortellini alla panna, hamburger e, come curioso dessert, kit kat e coca cola.

Ed Enzo Ferrari ? Tortellini, tagliatelle al prosciutto, pollo alla cacciatora, il tutto innaffiato bene da lambrusco, ma andava pazzo, dice una fonte autorevole, anche per lo champagne rosè.

Fino al 31 luglio anche i visitatori e i turisti che si recheranno a Nonantola, per la meravigliosa Abbazia, per le suggestioni di Villa Emma o per la mostra dedicata a Villeneuve presso il Museo Cantina Giacobazzi,/Gavioli avranno la possibilità esclusiva di assaggiare i piatti preferiti da questi grandi protagonisti della storia dell’automobilismo mondiale.

Sono diversi i locali della città dell’Abbazia che hanno aderito all’iniziativa e che esporranno la locandina identificativa all’ingresso, presentando poi ai clienti uno speciale menu personalizzato nella proposta dei piatti e graficamente con il logo della manifestazione:

  • Locanda Abbazia
  • Antica Trattoria Nosadella
  • La Nunziadéina
  • Trattoria Pane & Pomodoro
  • La Piazzetta del gusto
  • Osteria di Rubbiara
  • Ristorante Pizzeria La Smorfia
  • Locanda & Bistrot Civico 54
  • Ristorante Green Village

I piatti preferiti dei piloti sono stati tratti dal libro ‘Ferrari a tavola’ di Sergio Cassano, acquistabile presso la libreria Booklet di Nonantola.









Articolo precedenteDomenica a Bergogno si presenta il concorso dedicato allo scomparso Pietro Gambarelli, studioso e artista locale
Articolo successivoSport al parco Repubblica di Modena, al via le iniziative nei weekend