Home Bologna La Bicipolitana bolognese e le politiche per la mobilità sostenibile di Città...

La Bicipolitana bolognese e le politiche per la mobilità sostenibile di Città metropolitana e Comune di Bologna presentate a Velo-city, la conferenza internazionale sulla ciclabilità in corso a Lubiana





Il progetto Bicipolitana, le città 30km/h, le politiche di incremento della ciclabilità sono tra gli argomenti presentati ieri da Simona Larghetti alla Velo-city conference di Lubiana. Larghetti, consigliera metropolitana con delega a Mobilità ciclistica e Progetto Bicipolitana, Sicurezza stradale, Progetto Servizio Ferroviario Metropolitano ha partecipato alla sessione plenaria dedicata alle politiche di incremento della ciclabilità e contestuale riduzione del traffico per portare l’insieme delle politiche legate alla ciclabilità e alla mobilità sostenibile che Città metropolitana e Comune di Bologna si sono posti come obiettivo per il 2030.

Il progetto Bicipolitana è stato presentato dai tecnici della Città metropolitana mostrando i passaggi che hanno portato dalla pianificazione della prima rete ciclabile di livello metropolitano in Italia alla realizzazione dell’infrastruttura (anche durante la crisi pandemica) e alla promozione della stessa attraverso campagne di comunicazione, un sito internet con mappa interattiva e una progettazione e segnaletica omogenee su tutto il territorio.

La Velo-city conference, organizzata dalla European Cyclist Federation, quest’anno si svolge dal 14 al 17 giugno a Lubiana (Slovenia) e rappresenta il luogo in cui sostenitori, città, decisori, ricercatori e leader del settore provenienti da oltre 60 Paesi diversi si incontrano per discutere e immaginare il futuro della ciclabilità nelle città e nei territori di area vasta.

Come nessun altro evento, la conferenza offre una piattaforma di scambio di conoscenze e buone pratiche sui temi della promozione della ciclabilità, della mobilità attiva e dello sviluppo urbano sostenibile.

Il tema della conferenza di questo anno è “Cycling the change”, ovvero la bicicletta come guida del cambiamento dopo la crisi legata alla pandemia di COVID-19 e nel raggiungimento degli obiettivi climatici globali. Ma anche la bicicletta come “vento del cambiamento” nello sviluppo urbano.

“La partecipazione a Velo-city è un fondamentale momento di confronto con importanti realtà europee – ha sottolineato Simona Larghetti – ed è l’occasione per ribadire il ruolo della ciclabilità nel raggiungimento di una giustizia sociale e urbana nelle nostre città e per promuovere un nuovo modello di sviluppo. La città 30km/h – ha ribadito la Larghetti -rappresenta una misura estremamente democratica oltre ad essere il modo per adattare le strade alla vita delle persone che le percorrono. Dobbiamo sognare la città 30 e abbiamo il dovere di realizzare questo cambiamento”.

www.bicipolitanabolognese.it









Articolo precedenteLetta “Parleremo di alleanze ma dopo i ballottaggi”
Articolo successivoPresentato a Bologna il rapporto “La performance delle imprese di trasporto pubblico locale”