Nuovi sostegni economici in arrivo per le famiglie dell’Unione del Sorbara che decideranno o hanno deciso di mandare i propri figli ai centri estivi. I comuni di Castelfranco Emilia, Bastiglia, Bomporto, Nonantola, Ravarino e San Cesario sul Panaro hanno infatti aderito al “Progetto per la conciliazione vita-lavoro: sostegno alle famiglie per la frequenza di centri estivi”, finanziato con le risorse del Fondo Sociale Europeo, che intende dare un contributo economico alle famiglie dei bambini e dei ragazzi aventi i requisiti previsti dalla Regione Emilia Romagna per la frequenza dei centri estivi nel periodo di sospensione estiva dalle attività scolastiche per l’anno 2022.

I destinatari del progetto sono le famiglie, residenti nei Comuni del distretto, di bambini e ragazzi dai 3 ai 13 anni (nati dal 01/01/2009 al 31/12/2019) e, al fine di favorire la più ampia partecipazione alle opportunità educative estive, le famiglie di bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni (nati dal 01/01/2005 al 31/12/2019) in caso di disabilità certificata ai sensi della Legge 104/1992.

Il Comune di Castelfranco Emilia, in qualità di ente capofila dell’intero distretto, procederà all’assegnazione di contributi finanziari a sostegno della retta per la frequenza dei centri estivi secondo le modalità e i termini indicati nel bando pubblicato sul sito web del Comune.

Le famiglie interessate che ne abbiano diritto possono presentare domanda esclusivamente online nel periodo che va dall’ 11 Luglio 2022 al 9 Agosto 2022 attraverso autenticazione SPID/CIE/CNS collegandosi al link presente sul sito istituzionale del proprio comune di residenza, indipendentemente dalla ubicazione del Centro estivo che potrà essere anche in distretti differenti e pertanto sull’intero territorio regionale.

“Così come fatto per i centri estivi della fascia d’età 0 – 3 anni, anche in questo caso la nostra visione e il nostro approccio sono votati a sostenere quanto più possibile e concretamente la nostra Comunità nel conciliare gli impegni di lavoro con la famiglia – dichiara l’Assessore alla Scuola del Comune di Castelfranco Emilia Rita Barbieri ricordando che – i centri estivi sono un “trait d’union” di socialità molto importante finalizzato ad essere l’ideale collegamento tra un anno scolastico appena concluso e un nuovo anno in fase di avvicinamento, anche, e perché no soprattutto, quando ci si trova alla vigilia di un cambio di fascia nel percorso didattico-educativo,  come ad esempio può essere il passaggio tra nidi e scuole d’infanzia o tra queste ultime e le primarie. Dare quindi continuità alle varie attività, da quelle esclusivamente ludiche fino a quelle didattiche ma accompagnate sempre dal gioco, è per noi molto importante, consci – ha concluso – che questa è anche un’ottima opportunità di sostegno alle famiglie del nostro territorio”.

Il contributo massimo erogabile per settimana è pari a 112,00 euro e comunque il contributo massimo erogabile per bambino/ragazzo è di 336,00 euro. Si specifica, inoltre, che le settimane di frequenza al Centro estivo possono essere anche non consecutive.









Articolo precedenteMaltempo, Coldiretti Modena: i danni in agricoltura
Articolo successivo144 i pazienti Covid positivi ricoverati, a lunedì 4 luglio, negli ospedali modenesi. 7.125 quelli in isolamento