foto repertorio

Anche il primo fine settimana di agosto pur con un numero di incidenti mortali inferiore rispetto all’ultimo fine settimana di luglio fa segnare un numero elevato di vittime. Sono 36 le vittime mortali sulle strade. Nel fine settimana precedente i decessi erano stati 45, un negativo record.  Nel recente fine settimana sono stati 3 gli incidenti plurimortali con 7 vittime.

Nelle 72 ore, hanno perso la vita  16 automobilisti, 12 motociclisti, 1 ciclista, 5 pedoni, un conducente di trattore su una provinciale,  e un conducente di quad.

Tre sinistri mortali sono avvenuti in autostrada. Molti sulle strade extraurbane principali 17.

La fuoriuscita del veicolo senza il coinvolgimento di terzi è stata la causa più frequente con 17 vittime.

Fra le 36 vittime 15 avevano meno di 35 anni. Fra loro anche un bambino di 11 anni investito sulle strisce a Terracina (Latina) La vittima più anziana aveva 78 anni,

L’Emilia Romagna ha contato 7 vittime, la Puglia 5, la Lombardia, la Sicilia e la Toscana 4, il Piemonte, il Lazio e la Campania 3, la Basilicata, la Sardegna e il Friuli-Venezia Giulia 1.

Dallo scorso mese di aprile il numero di decessi nei fine-settimana ha sempre contato numeri superiori ai 30-35 decessi e a volte più di 40. Dati molto severi. Ma non sembra che suscitino particolari preoccupazioni.









Articolo precedenteImprese: Fiorini (Lega), via libera a bonus fiere, nuove risorse per il Made in Italy
Articolo successivoLetta “Il Pd sarà il primo partito, rovesceremo la campagna elettorale”