Nell’ambito dell’evento WeFestival (www.wefestivalreggioemilia.it), sabato 17 e domenica 18 settembre va in scena un’iniziativa solidale estremamente coinvolgente, organizzata dalla Fondazione GRADE Onlus in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia e l’Associazione Ristoratori Reggiani.

“Petit Montmartre” sarà un happening artistico che animerà per due giorni piazza Fontanesi, nato da un’idea della volontaria del GRADE Federica Oleari. Sabato 17 settembre dalle 16 alle 23 e domenica 18 settembre dalle 10 alle 23 verrà allestita una mostra di pittura, scultura, fotografia e altre espressioni artistiche. Colori, cavalletti e una suggestiva atmosfera bohemien. Tutti i visitatori potranno effettuare una donazione per acquisire le opere degli oltre trenta artisti presenti. Il ricavato andrà a sostegno della ricerca promossa dalla Fondazione GRADE.

“Ci fa molto piacere questa collaborazione con l’Associazione dei Ristoratori Reggiani e con l’Amministrazione comunale” afferma Roberto Abati, Direttore della Fondazione GRADE Onlus. “Abbiamo davvero bisogno di iniziative che ci facciano recuperare il nostro senso di comunità. Le Petit Montmartre è una proposta molto originale, che però vive su un collegamento, quello tra GRADE e le arti figurative, che è alquanto radicato e profondo. Ringraziamo Federica Oleari che ci ha suggerito questa bellissima iniziativa. Sarà un bel modo di animare il centro”.

L’evento sosterrà la raccolta fondi “Ricerca o non ricerca?” per finanziare 2 importanti studi sui linfomi, Foll19 e Previd, in collaborazione con la Fondazione Italiana Linfomi. Gli Studi, condotti presso 50 centri italiani di ematologia ma coordinati dal professor Stefano Luminari e il Dott. Francesco Merli, Direttore del reparto di Ematologia di Reggio Emilia, potranno introdurre innovativi protocolli terapeutici a livello nazionale.

“L’iniziativa – dichiara l’Assessora alla Valorizzazione del Centro storico Mariafrancesca Sidoli – è l’esito di un lavoro di collaborazione tra il Comune ed il GRADE, per promuovere un evento di beneficenza che arricchisce di una opportunità il centro storico e con questo lavoro di coordinamento svolto dal Comune ha permesso a tutti gli attori di operare insieme, ognuno per il proprio contributo.

Tale proposta si inserisce peraltro all’interno del ricco calendario di eventi programmato per la ripartenza, dopo la pausa estiva ‘Reggio nel cuore. Reggio Emilia in centro c’è’ che invita a reincontrarsi e a rendere la città storica più viva e attrattiva”.

In occasione dell’evento, domenica a pranzo saranno aperti i locali Mangiamore (orario 12-15), Botte Gaia (dalle 12.30 alle 15 e dalle 19.30 alle 23), Populista (dalle 12 alle 14.30 e dalle 18.30 alle 22.30), Rookie (dalle 18 all’1.00), Cartoleria Minerva (dalle 12 alle 15 e dalle 18.30 a mezzanotte), Bistrot Canossa (dalle 18 all’1.00), The Craftsman Cocktail Bar (dalle 18 a mezzanotte), The Craftsman (dalle 18 alle 24), Canossa Bistrot (dalle 18 a mezzanotte), Bottega 39 (dalle 18.30 a mezzanotte), Deridie (dalle 18 all’1.00), Caffè Fontanesi (dalle 8 alle 19), Divino (dalle 18 all’1.00).

WeFestival Reggio Emilia è il nuovo evento organizzato dall’Associazione dei Ristoratori Reggiani in collaborazione con Comune di Reggio Emilia, CNA Reggio Emilia, Confesercenti Reggio Emilia, Confcommercio Reggio Emilia: un ciclo di quattro serate, ogni mercoledì dal 14 settembre al 5 ottobre 2022, che vedrà decine di appuntamenti musicali disseminati nel centro storico e i negozi aperti fino alle 24.

 

www.grade.it









Articolo precedenteCura delle ferite post-operatorie, al via campagna “Punti di differenza”
Articolo successivoCastelnuovo, il Piedibus riaccende i motori