Nell’ambito del Tavolo finalizzato al monitoraggio delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro e al coordinamento delle attività di prevenzione e repressione degli illeciti, si è svolto questa mattina, sulla base di un condiviso programma, un incontro formativo sul tema “L’appalto di lavoro: profili retributivi, contributivi e di sicurezza”.

L’iniziativa, alla quale hanno partecipato, in qualità di componenti del Tavolo, rappresentanti delle Forze dell’Ordine, del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda U.S.L., dell’I.N.A.I.L., dei Sindacati confederali e delle Associazioni di categoria, è stata organizzata dalla Prefettura insieme all’Ispettorato Territoriale del Lavoro allo scopo di fornire concreti elementi informativi a tutti i soggetti coinvolti sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il seminario, che ha riscosso un grande interesse, è stato affidato al Dr. Raffaele Covino, Responsabile del Processo Vigilanza dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, nel quadro dell’attività di prevenzione e promozione demandata dalla normativa all’Ente.

Il Prefetto, che ha introdotto la sessione formativa, ha sottolineato l’importanza di iniziative come quella odierna, auspicando un maggiore coinvolgimento di tutti gli attori presenti nella proposizione di ulteriori momenti formativi, con lo scopo di ampliare conoscenze e sensibilità su un tema di straordinaria attualità e dai molteplici profili.

Il Prefetto ha, inoltre, preso l’impegno di convocare nuovamente il Tavolo entro la fine dell’anno per effettuare un monitoraggio aggiornato sul fenomeno e programmare le iniziative di prevenzione e contrasto per il 2023, proponendo il coinvolgimento del mondo della scuola.

L’occasione è stata propizia anche per un confronto costruttivo tra i rappresentanti delle categorie lavorative e gli organismi ispettivi sui temi di maggior rilievo nel campo delle violazioni della normativa sulla sicurezza sul lavoro.









Articolo precedenteEnergia, Draghi “Serve una risposta comune europea contro i rincari”
Articolo successivoCoronavirus. L’aggiornamento in Emilia-Romagna (29/9): 3.085 nuovi