Un momento pubblico per ricordare una vittima del fascismo a un secolo dalle violenze che colpirono tutta Italia, compresa la provincia reggiana, e portarono alla presa del potere di Mussolini.

Si svolgerà nel pomeriggio di sabato 5 novembre a Fabbrico, promosso dal Comune, dall’istituto storico Istoreco e da Anppia Reggio Emilia, dedicato alla memoria di Umberto Degoli nel 101esimo anniversario della sua morte. Degoli era un ardito del popolo originario di Fabbrico, morto in uno scontro a Cadelbosco di Sopra.

L’appuntamento è alle 15 del 5 novembre nella sala del consiglio del municipio di Fabbrico, in via Roma 35, per “Buco Nero, Fabbrico 1921: lo squadrismo fascista, gli arditi del popolo e Umberto Degoli”. Nell’occasione, si svolgerà una passeggiata guidata a cento anni dalla “marcia su Roma”, preceduta da un’introduzione, per ripercorrere i luoghi della violenza dello squadrismo fascista a Fabbrico e ricordare Umberto Degoli nel giorno del suo assassinio, avvenuto il 5 novembre 1921.  La presentazione della ricerca verrà curata da Alessandro Incerti di Istoreco. La partecipazione è libera e aperta a tutte le persone interessate.

L’attività fa parte del progetto Buco Nero, avviato da Istoreco pensate per rispolverare la memoria dell’ondata di violenza fascista che investì la provincia nel biennio 1921-1922. Una vera e propria campagna di terrore, lanciata dallo

squadrismo fascista che seminò, il panico nel nostro territorio e non solo tra intimidazioni, minacce e violenza. Dopo un secolo, sono poche le tracce rimaste di questi fatti che sono quasi scomparse dalla nostra memoria collettiva.

 

In questa occasione si tornerà al 5 novembre 1921. Quel giorno, una squadra di Arditi del Popolo, composta da una ventina di persone provenienti da Fabbrico, Campagnola, Novellara e Reggiolo, si muove verso Cadelbosco di Sopra. Lo scopo è distruggere la sede del Fascio di Combattimento locale. Il gruppo arriva in prossimità dell’obiettivo ma si scontra con una pattuglia dei carabinieri, a cui si aggiungono con ogni probabilità alcuni fascisti del paese. Dopo una sparatoria nella nebbia di novembre, Umberto Degoli rimane ucciso in piazza San Celestino.

L’iniziativa permetterà poi di approfondire i primi passi del fascismo a Fabbrico. Non un luogo qualunque, in ottica reggiana: originario di Fabbrico è Ottavio Corgini, segretario della Camera dell’Agricoltura, la principale associazione agraria finanziatrice dello squadrismo reggiano.

 

 









Articolo precedenteI NAS chiudono un laboratorio abusivo per la produzione di preparati gastronomici confezionati
Articolo successivoLezioni di sogni di Paolo Crepet e la poesia di Roberto Pazzi a Savignano sul Panaro