Il 25 novembre anche a Reggio Emilia si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, “una delle più diffuse, persistenti e devastanti forme di violazione dei diritti umani presenti oggi nel mondo, un ostacolo all’uguaglianza, alla parità di genere, allo sviluppo e alla pace per tutti”, ricorda Claudia Aguzzoli, consigliere provinciale delegata a Pari opportunità e Diritti civili. Le istituzioni reggiane – insieme ai tanti attori del Terzo settore, della società civile e del mondo del lavoro – da anni sono impegnate nello spirito della Convenzione di Istanbul a contrastare questa piaga, collaborando tra loro in forme diverse, anche grazie al prezioso lavoro del Tavolo interistituzionale di contrasto alla violenza contro le donne, nato nel 2006 su impulso di Comune di Reggio Emilia e composto da Provincia, Prefettura, Tribunale, Procura della Repubblica, Questura, Comando provinciale dei Carabinieri, Azienda Unità Sanitaria Locale, Ufficio Scolastico Provinciale, Ordine degli Avvocati, Associazione Nondasola, Forum donne Giuriste, Provincia, Consigliera di Parità Provinciale.

In occasione del 25 novembre la Provincia di Reggio Emilia ha voluto, per quanto possibile, rendere visibile questo sforzo corale del territorio provinciale – a fianco delle donne vittime di violenza e per una società consapevole della svolta culturale necessaria per immunizzarsi da questo fenomeno – pubblicando sul proprio sito il calendario con le tante iniziative programmate nei comuni reggiani. “Nella speranza che ciò possa contribuire a sensibilizzare e rendere attenta l’opinione pubblica verso questo fenomeno e a favorire l’emersione di quei tanti casi che ancora rimangono silenziosamente nascosti, in prevalenza tra le mura domestiche”, conclude la consigliera Aguzzoli.

Qui il calendario delle iniziative per il 25 novembre in città e provincia  https://bit.ly/25novRE









Articolo precedenteImpresa Giappone, battuta una Germania sprecona per 2-1
Articolo successivoSi allontana dopo un incidente: rintracciato e sanzionato dalla Polizia Locale di Modena