L’assessora alla Mobilità Carlotta Bonvicini ha risposto oggi durante la seduta del Consiglio comunale a una interpellanza sul tema della sosta delle auto di persone con disabilità, con particolare riguardo all’area P3 del parcheggio della Stazione Av Mediopadana.

E’ emerso che a Reggio Emilia già da diversi anni, nelle more dell’ordinanza che regola la sosta, si prevede che alcune categorie di veicoli siano esentate dal pagamento sugli stalli blu. Fra questi anche i veicoli dotati di contrassegno di portatore di disabilità, il cosiddetto Cude. Al momento dell’apertura del parcheggio P3 della Stazione Av Mediopadana, in gestione al consorzio Tea, attuale gestore di quasi tutta la sosta a pagamento della città, si è optato per non estendere la possibilità di deroga al pagamento anche a questa porzione di parcheggio a servizio dell’infrastruttura ferroviaria.

Questo per via dell’ampia presenza di stalli dedicati a persone con disabilità rispetto alle esigue dimensioni del parcheggio P3 e per la natura eccezionale del contesto della Stazione, il quale necessitava di un’area di sosta che consentisse un’elevata rotazione al fine di permettere l’offerta di stalli liberi, soprattutto per i viaggi che si esaurivano entro la giornata o massimo due giorni. Infatti la tariffazione ‘a tariffa crescente’ è volta a favorire una sosta non prolungata.

Nel gennaio 2022 la normativa nazionale è cambiata, di fatto andando nella direzione già tracciata del Comune di Reggio Emilia e permettendo alle persone con disabilità di sostare gratuitamente sugli stalli a pagamento, con un’unica differenza, ovvero che la sosta per i disabili è gratuita sugli stalli blu solo a patto che gli stalli gialli dedicati a questa categoria siano occupati o indisponibili al momento del loro arrivo (articolo 188 comma 3bis del Codice della strada).

Alla luce di questa modifica normativa, anche l’ordinanza in vigore alla Stazione Av Mediopadana verrà modificata e adeguata alla norma in vigore. Pertanto i veicoli al servizio di persone con disabilità, titolari del contrassegno speciale ai sensi dell’articolo 381, comma 2 del Dpr numero 495 del 1992, potranno parcheggiare gratuitamente qualora risultino già occupati o indisponibili gli stalli a loro riservati, previo il ritiro di un ticket gratuito (dal parcometro o dall’App Web) al fine di stabilire l’orario d’inizio sosta. A tale scopo, verranno successivamente installati sugli stalli riservati alle persone con disabilità (stalli gialli) dispositivi che consentano di avere un riscontro oggettivo circa l’occupazione dello stallo da parte di un veicolo al fine di ottemperare quanto previsto dal citato articolo 188 del Codice della strada.









Articolo precedenteMeloni “Entro l’anno un piano nazionale per la sicurezza del territorio”
Articolo successivoChiusure notturne sulla A1 Milano-Napoli e sul Raccordo di Piacenza sud