L’arte e la cultura sono di casa al Club La Meridiana di Casinalbo di Formigine: lo conferma la mostra fotografica ‘Scatti di Percorsi’ curata da Barbara Ghisi che inaugura sabato prossimo 3 dicembre alle 17 a Villa Giovanardi sede del Club in via A. Fiori 23. Sette gli artisti presenti: i modenesi Ambra Turra e Bruno Ghirarduzzi, Federica Vellani, Brunella Federzoni e Mara Leporati, l’argentino Christian J. Floquet, il ragusano Valeriano Grasso.

Turra e Ghirarduzzi sono due romantici sognatori che ricercano costantemente la bellezza. Appassionati entrambi di archeologia urbana, attraverso la loro serie di scatti Memorie di cristallo, catturano i luoghi abbandonati di una buona parte dell’Italia. Indagando il fascino del mistero e del racconto di storie spesso dimenticate, ad oggi hanno percorso circa 45.000 km visitando ex ospedali psichiatrici, conventi, chiese sconsacrate, industrie dismesse, antiche ville nobiliari abbandonate.

Federica Vellani dopo il diploma all’Istituto d’Arte Venturi di Modena in Grafica e Fotografia, nel 1998 apre uno studio fotografico ed è autrice di ritratti artistici dal fermo immagine sbalorditivo. Il suo amore per cani e gatti la conduce ad un nuovo progetto di ritrattistica dal titolo Pets.

Le amiche Federzoni e Leporati hanno scoperto la passione per la fotografia  in un viaggio in Serengeti nel 2018. La prima ha iniziato da subito scattando attraverso il mezzo digitale ed ha optato per una ricerca approfondita della natura e della vita dei Felini. La seconda, carpigiana di nascita, scattava foto in analogico già dal 1990. Oggi, passata al digitale, propone la serie Autentici Maasai che indaga, al di fuori delle classiche rotte turistiche, la vita di un popolo nel suo ambiente abituale, puntando a cogliere l’attimo unico e fuggente di uno sguardo, di un’azione o di un gesto istintivo.

Christian J. Floquet è cresciuto in Argentina ma vive a Milano, ed è traduttore di professione per istituzioni italiane ed europee. Per lui l’amore per la foto nasce da bambino quando inizia a portare le macchine fotografiche del papà, diplomatico francese, nei vari viaggi. Dal 1980 in poi si sposta tra Buenos Aires e Parigi cominciando ad interessarsi alle architetture e documentando le grandi opere in costruzione. Oggi sulle tracce dei suoi fotografi preferiti, come Gabriele Basilico, gira a fotografare la vecchia Milano ma anche le nuove architetture di cui la città è ricca. La sua ricerca della serie Coup d’œil getta uno “sguardo” sulle città attraverso particolari delle architetture, come tessere di un grande puzzle.

Valeriano Grasso presenta alla mostra la serie Viaggio in Sicilia. Nel 2019 una sua foto è stata inserita nel Best 150 B&W dalla Lens Culture di New York. Seguono pubblicazioni su riviste quali Vogue, Art of Nude, Artells. Nel 2021 al concorso Fiducia e speranza nel futuro, una sua foto viene selezionata da Nino Migliori e depositata dalla FIAF nella rivista Riflessioni, inserendolo nel Centro Italiano Della Fotografia d’Autore. Attualmente cura un corso di fotografia creativa all’Università di Bologna, città dove si è laureato.

La mostra resterà aperta tutti giorni fino al 21 dicembre, dalle 10.30 alle 18.30, sabato e domenica anche con visita guidata dalla curatrice Barbara Ghisi. Info tel. 328 8662152. Per informazioni www.clublameridiana.it  mail settoresportivo@clublameridiana.it,  telefono 059 55.01.53.

 









Articolo precedenteRapina presso supermercato “In’s” di via Ristori. Fermati dalla Polizia di Stato i due autori
Articolo successivoUcraina, Conte “Inviare armi non può più essere la soluzione”