«Rinnoviamo la necessità, espressa in più modi e sedi dalle Sindache dei Comuni di Ravarino e Camposanto, di procedere quanto prima alla realizzazione degli interventi necessari affinché la strada statale 568 possa svolgere il ruolo di importante asse di collegamento fra l’area nord della Provincia di Modena ed il territorio bolognese, in piena sicurezza ed efficacia trasportistica».

Con queste parole Fabio Braglia, presidente della Provincia di Modena, ha scritto ad Anas e alla Regione Emilia-Romagna, per sollecitare azioni concrete sulla strada statale 568, che attraversa i Comuni di Ravarino e Camposanto in confine con la provincia di Bologna.

In particolare, la lettera sottolinea la necessità “di procedere quanto prima alla realizzazione delle opere di tombamento del canale consortile Collettore Dogaro nei tratti in cui si prevede l’allargamento e l’ammodernamento della sede stradale della strada statale, quale completamento dei lavori di risanamento della pavimentazione di superficie realizzati l’estate scorsa”. Braglia ribadisce che «la realizzazione di opere di ammodernamento e di adeguamento della strada statale 568 non possano attendere ulteriormente come, purtroppo, ci viene dimostrato dall’alto numero di incidenti in cui sono coinvolti mezzi pesanti e automobili».

Per la sindaca di Ravarino Maurizia Rebecchi «l’adeguamento di questa infrastruttura stradale è non più rinviabile, oltre che richiesto da cittadini ed imprese, che lo sentono come strategico per continuare a far circolare persone e merci in sicurezza e a supporto delle significative economie locali» mentre la sindaca di Camposanto Monja Zaniboni sottolinea che «quando ci sono fenomeni importanti di piogge (le cosiddette e sempre più frequenti “bombe d’acqua”) la strada si allaga a causa della difficoltà di deflusso delle acque diventando molto pericolosa per chi l’attraversa e servono azioni condivise tra Anas e gestore dei sottoservizi del territorio affinché si risolva il problema dell’allagamento della statale 568 nel tratto in cui attraversa la zona artigianale di Camposanto».

La strada statale 568 fino al 2021 era di competenza provinciale e che è stato trasferito insieme ad altre arterie viarie come ad esempio la strada 413 Romana (Nazionale per Carpi), la 623 (Vignolese) per un totale di 127 chilometri di strade provinciali, prendendo in carico un tratto di statale 12 dell’Abetone di circa 25 chilometri, con una riduzione complessiva dei chilometri in gestione che attualmente sono 917.

 

 









Articolo precedenteEnergia, via libera Ue al regolamento per modificare il Pnrr
Articolo successivoIntelligenza artificiale e biomedicale: il 23 febbraio un seminario a Medicina