Nell’Appennino bolognese c’è un vecchio borgo da riabitare. Il Borgo di Campolo e il versante di Montovolo, La Scola e Rocchetta Mattei, nel Comune di Grizzana Morandi nella valle del Limentra, sull’Appennino bolognese hanno l’opportunità di diventare un esempio di rinascita e un modello di nuovo sviluppo.

Grazie al progetto pilota selezionato dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito del bando Pnrr-Borghi, destinatario di 20 milioni di euro, si punta alla riattivazione territoriale e alla rigenerazione culturale, sociale ed economica di un tipico agglomerato di montagna.  Ma come si vive in questi luoghi? Cosa significa essere un borgo cooperativo? Cosa è stato fatto finora?

A queste e altre domande risponde lo speciale curato dall’Agenzia di Informazione e comunicazione della Giunta regionale che è online da oggi 7 marzo.

Sul portale della Regione l’intervista a una giovane, Diletta Rocca, che tra queste montagne è nata e cresciuta e ci è tornata dopo aver vissuto in città per sette anni per completare i propri studi.  dopo aver completato i suoi studi in Filosofia all’Università di Bologna.

Intervistato anche Marco Tamarri, responsabile Cultura dell’Unione dei Comuni dell’Appennino bolognese che sta seguendo da vicino il progetto di borgo cooperativo









Articolo precedenteFrana sulla “Fondo Valle Savena”, proseguono i lavori di ripristino: situazione più grave del previsto, tempi certi entro due settimane
Articolo successivoAccademia Militare: giura il 204° corso “Volontà”