Da Dante a Tolstoj, da Garcia Marquez a Borges sono tanti i geni della letteratura che nelle loro pagine hanno riservato un posto speciale ai numeri ed alla matematica. Nella Divina Commedia, ad esempio, è ricorrente la simbologia del numero 3 (tante, infatti, sono le cantiche, ognuna composta di 33 canti), mentre in Guerra e Pace ed in Cent’anni di solitudine non mancano le metafore numerologiche. Insomma, tra Matematica e Letteratura – nonostante l’apparente distanza – non mancano le affinità: basti pensare che nella seconda metà del Novecento ben tre Premi Nobel per la Letteratura sono stati assegnati ad altrettanti studiosi di matematica: Bertand Russel (1950), Aleksandr Solženicyn (1970), John Maxwell Coetzee (2003).

Ed è proprio “Matematica e Letteratura” il tema dell’incontro pubblico che giovedì 13 aprile alle ore 21 vedrà protagonista presso il Teatro Comunale di Ravarino (MO) il prof. Piergiorgio Odifreddi: il famoso matematico, logico e saggista si confronterà con il prof. Bruno D’Amore, docente all’Alma Mater di Bologna ed all’Università di Bogotà, ricercatore di fama internazionale nonché autorità riconosciuta nel campo della didattica della matematica, nel corso di una serata che sarà condotta e moderata dal giornalista Devis Colombi.

L’incontro, ad ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti (per info e prenotazioni: www.nontemiamolamatematica.it) è realizzato nell’ambito dell’undicesima edizione di “Non temiAMO la Matematica”: una rassegna culturale organizzata dal Comune di Ravarino che attraverso momenti divulgativi, conferenze teatralizzate, laboratori ed attività didattiche per le scuole vuole promuovere la conoscenza della Matematica ed avvicinare la disciplina dei numeri al pubblico più ampio e non specialistico. Semplici cittadini, studenti, insegnanti ed appassionati possono così sperimentare un approccio inconsueto e divertente alla matematica, reso possibile da relatori che uniscono una grande competenza scientifica ad una eccellente capacità comunicativa. La rassegna è promossa dal Comune di Ravarino con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Modena, ed è realizzata in collaborazione con l’Istituto Comprensivo I.C.2 Ravarino e Sintab Srl.

“Con questa rassegna, divenuta ormai un appuntamento imprescindibile per il nostro territorio, intendiamo creare e consolidare una relazione tra il mondo della cultura scientifica ed il pubblico più ampio” sottolinea Maurizia Rebecchi, Sindaca di Ravarino e Consigliera Provinciale con delega alle Pari Opportunità. “L’iniziativa – prosegue – non è rivolta solo agli adulti o agli appassionati della materia, ma coinvolge il mondo della formazione e dell’educazione realizzando appuntamenti di alto valore accademico in un clima piacevole e divertente”.









Articolo precedenteEscursionisti in difficoltà verso Acquabona, recuperati dall’elicottero dei Vigili del fuoco
Articolo successivoBologna: vìola il provvedimento del giudice appena notificato per maltrattamenti in famiglia e finisce in carcere