Settimane di attenti controlli sui mezzi pesanti in circolazione sulle principali arterie della Bassa Reggiana, dall’uscita autostradale di Reggiolo al ponte sul Po di Boretto, realizzato dal Corpo Unico di Polizia Locale Bassa Reggiana con il supporto di colleghi specializzati della polizia locale di Trento. I controlli si sono concentrati sui tempi di guida e riposo dei conducenti professionali, sul controllo della documentazione nel trasporto in ambito UE e extra UE nonchè su eventuali manomissioni sui tachigrafi digitali.

Le attività hanno portato ad accertare 15 violazioni e il ritiro di 6 patenti per alterazioni al tachigrafo e di una carta di circolazione con fermo amministrativo a carico di un autista trovato privo della Carta di Qualificazione del Conducente (CQC) che abilita alla guida dei mezzi pesanti e al trasporto di merci e persone.

Il Comandante del Corpo Unico. Alberto Sola: “Questi  interventi sono finalizzati non solo ad aumentare la sicurezza stradale ma anche a salvaguardare la libera concorrenza in un mercato sempre più globalizzato, soprattutto nel trasporto su gomma, oltre a tutelare i diritti degli autisti e dei passeggeri nel trasporto con autobus”.









Articolo precedentePnrr ER, innovazione e sostenibilità: prima presentazione pubblica delle attività di Ecosister
Articolo successivoL’assemblea degli Azionisti di IREN S.p.A. approva il Bilancio 2022