Venerdì 12 maggio, all’auditorium Biagi a Modena è stato presentato il libro “L’uomo che dava la caccia ai nazisti – Le indagini su Marzabotto, Sant’Anna di Stazzema e le altre stragi compiute durante la guerra” di Marco De Paolis, Procuratore Generale Militare.

L’opera biografica, nata in collaborazione con Annalisa Strada, insegnante e scrittrice di libri per ragazzi, ripercorre gli sviluppi di una straordinaria vicenda giudiziaria nata dal ritrovamento di un armadio le cui ante, chiuse con lucchetto, sono state a lungo innaturalmente rivolte verso una parete senza destare, apparentemente, alcun sospetto. Solo nel 1994 si rinverrà il contenuto di quello che sarà poi eloquentemente battezzato “Armadio della Vergogna”, numerosi fascicoli recanti informazioni decisive per l’individuazione dei colpevoli delle più efferate stragi compiute dal 1943 al 1945.

Alla presentazione del volume erano presenti, oltre a Marco de Paolis, Procuratore Generale Militare e autore del libro, che ha dialogato con Claudio Silingardi, vicepresidente dell’Istituto storico della resistenza e della storia contemporanea di Modena, Fabio Braglia, presidente della Provincia Modena, Alessandra Camporota, Prefetta di Modena e Marina Orlandi, presidente della Fondazione Marco Biagi.

Per il presidente della Provincia di Modena Fabio Braglia «è importate l’opera di De Paolis, perché attraverso il lavoro che ha compiuto in questi anni, ha consentito di mettere chiarezza su vicende dolorose che ancora oggi lasciano cicatrici profonde nelle nostre comunità, contribuendo a dare risposte ai superstiti e ai discendenti delle vittime, e nel farlo si rivolge ai ragazzi, con un’opera realizzata in collaborazione con Annalisa Strada, che si rivolge proprio alle giovani generazioni, perché tramandare la memoria e un dovere morale e civile di tutti noi».

I documenti, nelle mani del magistrato De Paolis, hanno consentito di dare avvio ad una complessa istruzione processuale, tanto tragica quanto irrinunciabile, volta ad individuare i colpevoli dei terribili eccidi.

Il volume è uscito nel settembre del 2022 ed è edito da Piemme editore, specializzato nella narrativa per ragazzi.

 









Articolo precedenteFnp Cisl: “15mila trattamenti pensionistici reggiani senza l’aumento promesso”
Articolo successivoAmministrative, Berlusconi “Chi non vota non è un buon cittadino”