Oltre cento persone, tra cui molti ragazzi delle scuole medie, si sono date appuntamento ieri nella sala civica di via Morandi 9, per l’atto finale del settimo concorso di poesia indetto dal circolo Albinetano.

Ad accompagnare l’evento ci hanno pensato i musicisti della scuola di musica Risonanze, diretti da Doriana Marin.

Di alto livello tutti componimenti, che sono stati letti magistralmente da Franco Ferrari e Monica Incerti Pregreffi.

Tre erano le sezioni in gara: giovani, dialetto e italiano.

Tra i ragazzi a vincere è stata Lucia Onfiani con la poesia “La musica”. Secondo è arrivato Mirko Ferrari, con “Trincea”, seguito al terzo posto da Francesco Palù con l’opera “Per vivere bene”.  Menzione speciale per Matilde Formentini, Sofia Sacchetti e Samuele Soliani.

Nella sezione dialetto si è piazzato al primo posto Luigi Magnani con “Al dialet”. Secondo è arrivato Franco Tagliati con “In dla stala”. Terza Enza Giaroli con “La novla bianca”. Menzione speciale per Chiara Barigazzi, Maura Bartoli e Franco Zanichelli.

Per la categoria italiano ha vinto Luciano Pigoni con “Come una canna”. Sul podio anche Vanni Giovanardi con “La notte più corta dell’estate” e Angela Villa Ruscelloni con “Fluida come l’acqua”. Quarto posto per Cinzia Mainini con “Speranza”. Menzione speciale a Caterina Cassinadri, Maria Codeluppi e Miria Margherita Zanni.

La classifica è stata stilata da una giuria composta dalla professoressa di lettere Maria Giuseppina Bo, dal presidente dell’associazione Stampa Reggiana, Giuseppe Adriano Rossi, dall’ex direttrice della biblioteca di Albinea, Maria Cristina Bulgarelli, dalla professoressa di lettere Francesca Manini, dal lettore del Centro studi sul dialetto reggiano, Franco Ferrari e da Federica Franceschini, direttrice della biblioteca di Albinea.









Articolo precedenteSan Cesario sul Panaro: rubano una moto in pieno centro
Articolo successivoZelensky “Non attacchiamo il territorio russo, liberiamo il nostro”