Il 1° settembre, il nucleo provinciale SAF (speleo-alpino-fluviale), ha preso parte ad un addestramento finalizzato all’evacuazione della seggiovia triposto nella località Febbio di Villa Minozzo. La manovra è stata pianificata in sinergia con l’Amministrazione comunale, in occasione del collaudo periodico dell’impianto di risalita da parte dei tecnici del Ansfisa, ovvero, dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture Stradali e Autostradali.

Le manovre di evacuazione fanno parte del piano della sicurezza della seggiovia e, quindi, sono strettamente connesse con il collaudo funzionale dell’impianto.
Le prove di evacuazione hanno visto la partecipazione di una ventina di “figuranti” locali, saliti realmente a bordo della seggiovia.
Dopo qualche minuto di corsa l’impinato è stato fermato, simulando un malfunzionamento per ghiaccio.
I pericolanti sono stati quindi raggiunti sui seggiolini da parte dei soccorritori, sono stati imbragati singolamente, e portati al suolo tramite acrobatiche manovre con funi e carrucole.
All’esercitazione ha preso parte anche la locale sezione del SAER, Soccorso Alpino dell’Emilia Romagna.









Articolo precedenteFesta dell’8 settembre a Fiorano
Articolo successivoLadro di liquori morde addetto sicurezza: arrestato a Reggio Emilia