Durante un servizio mirato alla verifica della viabilità alternativa istituito sulla SP486 in località “Casa Poggioli” nel Comune di Baiso, in prossimità del cantiere stradale in galleria, una pattuglia moto montata della Polizia Locale dell’Unione Tresinaro Secchia ha effettuato un posto di controllo di polizia stradale in quanto erano stati segnalati veicoli circolanti a velocità eccessiva e pericolosa.

Durante il controllo è stato fermato un tunisino di 45 anni, circolante a bordo di un ciclomotore, marca Atala. Dal controllo dei documenti è emerso che il mezzo risultava sprovvisto di copertura assicurativa perché mai stipulata dal 2012 (anno di immatricolazione del mezzo) e non era mai stato sottoposto a revisione. Inoltre, il conducente era sprovvisto di patente perché mai conseguita e non esibiva la carta di circolazione del ciclomotore.

L’uomo si è giustificato dichiarando che il mezzo gli era stato prestato dalla ditta per cui lavora, con sede a Sassuolo. I proprietari della ditta, contattati telefonicamente, hanno dichiarato di non sapere che il soggetto fosse sprovvisto di patente.

Al conducente sono stati comminati 4 verbali di infrazione al Codice della Strada per violazione degli articoli 116 (euro 5.100,00), articolo 193 (euro 866,00), articolo 80 (euro 346,00), articolo 180 (euro 42,00) per un totale di € 6.354,00. Il mezzo è stato sottoposto a sequestro per violazione dell’art. 193 CdS e sottoposto a fermo di mesi 3 per violazione art. 116.

 









Articolo precedenteVenerdì 8 settembre esce “RENGANEK”, l’album di Francesco RENGA e NEK
Articolo successivoCaccia, l’attività della Polizia provinciale modenese