La Scuderia Ferrari ha completato senza intoppi il programma previsto per la giornata di prove libere del Gran Premio del Giappone: le due SF-23 si sono piazzate al secondo e al quarto posto in entrambe le sessioni. Da questo venerdì sono emerse una buona competitività sul giro secco e la quasi certezza che la corsa sarà su almeno due stop dato l’elevato degrado dei penumatici, un fenomeno previsto ma acuito dalle temperature particolarmente elevate della fine dell’estate giapponese. In entrambe le sessioni la squadra ha impiegato anche alcuni set di pneumatici prototipo messi a punto da Pirelli in funzione della prossima stagione.

FP1. Charles e Carlos hanno iniziato con gomme prototipo prima di passare alle Soft per la simulazione di qualifica. Sainz ha ottenuto il secondo tempo in 1’32”273, mentre Charles – che portava all’esordio una nuova specifica di fondo – ha fermato i cronometri in 1’32”574, assicurandosi la quarta prestazione. Negli ultimi quindici minuti la squadra ha caricato carburante e montato pneumatici Hard per girare in configurazione gara. Carlos ha completato 24 tornate, Charles 25.

FP2. Anche nel turno del pomeriggio i due piloti hanno di nuovo iniziato con gomme prototipo per poi passare alle Medium e alle Soft per la simulazione di qualifica. Ad ottenere il secondo tempo questa volta è stato Leclerc in 1’31”008, mentre Carlos è stato quarto in 1’31”237. Con ancora metà sessione a disposizione la squadra si è quindi dedicata al lavoro in configurazione gara, con i long run che sono stati effettuati con mescola Medium ad un passo costante anche se – al pari di tanti altri piloti – anche Carlos e Charles hanno dovuto fare i conti con il surriscaldamento delle gomme e il conseguente degrado. All’attivo di Charles 23 tornate, una in meno per Carlos. Domani l’ultima sessione di prove libere è in programma alle 11.30 locali (4.30 CET), le qualifiche scatteranno alle 15 (8 CET).









Articolo precedenteViaggia con 4,648 Kg di marijuana sull’auto
Articolo successivoMurales per “Chicco” Morandi: anche il sindaco Muzzarelli all’inaugurazione dell’opera