MILANO (ITALPRESS) – “La sconfitta nel derby è stato un nuovo inizio. La gara contro la Lazio, avversario temibile, è uno scontro importante”. Questo il pensiero del tecnico del Milan, Stefano Pioli, alla vigilia del match di campionato, in casa, contro il team allenato da Maurizio Sarri.
“Abbiamo imparato a tenere alta la concentrazione sempre e questo è molto importante in vista di una sfida contro un’ottima squadra. Stiamo bene, dobbiamo restare concentrati e trovare continuità. La sconfitta nel derby era solo un nuovo inizio dal quale ripartire. Dobbiamo vivere tutto con grande equilibrio, sia i successi che i ko. Adesso non siamo perfetti, non siamo impeccabili ma possiamo mettere in campo la nostra migliore formazione per affrontare al meglio la Lazio”, ha precisato, in conferenza stampa, Pioli.
“Siamo solo all’inizio del nostro percorso e della nostra scalata. Ci saranno ancora tante partite e diverse difficoltà da superare. Io sono convinto della forza e della qualità dei nostri giocatori e del nostro organico. Dopo la sosta è iniziata una nuova stagione e per stare lì in alto servono tante cose: bisogna essere forti di testa e a livello di organizzazione. Ci sono tante cose che possiamo fare meglio ma l’importante è restare concentrati in vista del match di domani”, ha detto ancora il tecnico del Milan.
“Leao? Se uno sbaglia un passaggio non significa che ha preso sotto gamba la partita. Ovviamente uno come Rafa deve sbagliare il meno possibile. La classifica? Essere in vetta oggi non conta nulla, conta solo la voglia di fare bene. Non ci sono partite facili ma non ci sono nemmeno gare impossibili. Sono contento di quello che ho visto in questi due giorni di lavoro”, ha continuato Pioli.
Chiusura sulla Lazio: “Gioca insieme da anni. Ha un ottimo allenatore e ha delle linee di gioco riconoscibili, con grande velocità e grande qualità. Al di là del loro momento, sono una squadra forte, un avversario difficile”.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).









Articolo precedentePiantedosi “Rafforzare la lotta ai trafficanti di esseri umani”
Articolo successivoDonata al Museo del Tricolore copia della bandiera realizzata dai degenti dell’Ospedale Bambino Gesù