Paolo Soglia, giornalista e documentarista di Bologna ha lavorato fin dai primi anni novanta sui delitti della banda di poliziotti che insanguinò Bologna e la Romagna dal 1987 al 1994: sette anni di terrore, 24 morti e oltre 100 feriti in 103 azioni criminali.

Ne ha tratto sei video-inchieste pubblicate su youtube sul canale “Countdown – Storie dal vivo” che hanno raccolto decine di migliaia di visualizzazioni raccontando fatti specifici, presentando materiali inediti. Successivamente ha realizzato questo spettacolo/inchiesta assieme a Donatella Allegro che ne ha curato l’adattamento drammaturgico, per dare alla vicenda una lettura più analogica e complessiva.

E’ uno spettacolo in tre atti: nel primo, “Il Peccato Originale”, ci si concentra sul depistaggio operato dal brigadiere dell’Arma Domenico Macauda in merito al duplice omicidio dei carabinieri Stasi ed Erriu a Castel Maggiore nell’aprile dell’88.

Si prosegue con “Armi, opere e omissioni”, analizzando tutti gli indizi e le soffiate che sin da quell’anno portavano dritti alla banda dei poliziotti killer e che vennero sistematicamente ignorate: le rivelazioni di un pregiudicato che portavano a Fabio Savi, le armi identificate per l’omicidio del Pilastro possedute dai fratelli Savi, gli identikit identici alla faccia di Roberto Savi che giravano in questura dove lui lavorava, la testimonianza del padrone dell’armeria Volturno, scenario di un duplice omicidio nel ‘91, che aveva identificato in quell’identikit una somiglianza con un poliziotto delle volanti, e tante altre circostanze anomale, il tutto corredato da documenti e interviste inedite, alcune realizzate all’epoca dei fatti.

Nell’ultimo atto, “Il giorno del giudizio”, si tirano le somme e ci si concentra anche sulla narrazione che è stata fatta della cattura di Fabio Savi e poi della banda da parte dei poliziotti riminesi Baglioni e Costanza nel ‘94, dimostrando come la versione fin qui esaltata da film e documentari sia stata romanzata, perché anche in quel caso le cose potrebbero non essere andate come è stato raccontato.

 

Mercoledì 11 ottobre 2023, ore 21.00 Teatro Biagi D’Antona, Via G. La Pira 54, Castel Maggiore.

Intervengono in apertura: Rosanna Zecchi, associazione dei familiari delle vittime; Belinda Gottardi, sindaca di Castel Maggiore. Ingresso gratuito

Venerdì 13 ottobre, Giornata dedicata alla memoria di tutte le vittime della Uno bianca, la Staffetta podistica e ciclistica per le vittime della Uno bianca, promossa dalla Polisportiva Progresso, partirà alle 8.00 da Castel Maggiore, dal cippo che ricorda i Carabinieri Umberto Erriu e Cataldo Stasi, per poi successivamente fare tappa ai diversi cippi nella provincia di Bologna che ricordano le altre vittime della Banda della Uno Bianca e arrivare in via Lenin a Bologna per la commemorazione ufficiale di tutte le vittime.

 

 

 









Articolo precedenteCastelnovo Monti: filmato durante il furto di monete, sorvegliato speciale nei guai
Articolo successivoPusher arrestato dai carabinieri all’interno del parco “Giardino Gino Cervi” di Bologna