Venerdì 10 novembre alle 21, l’Habitat di Soliera (via Berlinguer 201) ospita un incontro con Gian Andrea Cerone, considerato una delle più interessanti voci del noir italiano, autore del recente “Il trattamento del silenzio”, pubblicato da Guanda. A dialogare con l’autore sarà Sonia Folin, direttrice artistica della Festa del Racconto 2023. L’incontro rientra nel programma con cui la biblioteca Campori festeggia i suoi primi venti anni all’interno del Castello.

Savonese classe 1964, milanese d’adozione, Cerone ha una lun­ga esperienza nell’ambito della comuni­cazione, dell’editoria tradizionale, tele­visiva e digitale. Tra i numerosi incarichi svolti, è stato responsabile delle relazio­ni istituzionali presso il ministero del­lo Sviluppo Economico e presso EXPO 2015. Nel 2018 ha fondato la piattafor­ma editoriale di podcast Storielibere. Nel 2022 ha pubblicato il suo libro d’esordio, “Le notti senza sonno”, vincitore del Premio “Franco Fedeli” dedicato alla narrativa poliziesca. “Il trattamento del silenzio” torna con lo stesso personaggio centrale: il commissario Mandelli. In una Milano novembrina, buia, fradicia di pioggia e corruzione, oltre al pacato commissario Mandelli torna anche l’ispettore Casalegno, le cui vicende si intrecciano alle trame serrate della caccia a cui partecipano tutti i protagonisti della squadra, in un crescendo senza respiro, per scoprire la verità. Cosa lega i cadaveri, orribilmente seviziati, di due noti collezionisti d’arte alla sparizione di un libro antico che custodisce un ancestrale segreto? Quale insano istinto scatena la follia di un maniaco alla ricerca di giovani prede femminili fra i corridoi universitari?

Ingresso libero.









Articolo precedenteRicostruzione post alluvione: una task force di esperti per contrastare il dissesto idrogeologico e il rischio idraulico
Articolo successivoOspedale Civile: un nuovo elettrobisturi grazie alla generosità del mondo imprenditoriale del Distretto