Dalla collaborazione tra due associazioni tra le più conosciute a Reggio Emilia, Casina dei Bimbi e Fondazione Grade Onlus, nasce il nuovo progetto “Storytelling Therapy”, rivolto ai bambini e alle famiglie che si trovano loro malgrado ad affrontare un percorso di malattia e cure. L’iniziativa è stata presentata questa mattina nella sede di Casina dei Bimbi, presso i Chiostri di San Pietro, alla presenza tra gli altri di numerosi medici.

“I ragazzi e gli adulti che vivono un’esperienza oncologica hanno la necessità di sostegno psicologico individuale e famigliare – spiegano Claudia Nasi e Valeria Alberti, rispettivamente presidentessa di Casina dei Bimbi e Direttrice della Fondazione Grade Onlus – che sia studiato e creato appositamente per loro. Ecco perchè nasce Storytelling Therapy: un progetto che abbiamo condiviso per realizzare un processo coinvolgente e dinamico che permetta a un paziente oncologico, adeguatamente accompagnato da uno psicologo, di cimentarsi nella costruzione della propria storia per elaborarne il vissuto o affrontarlo insieme ai propri famigliari”. Un percorso che approda alla creazione di una storia, che dal livello personale diventa universale: “Narrare e illustrare una storia è un processo che, attraverso l’identificazione, coinvolge l’utente in una dimensione nuova, capace di stimolare effetti positivi sull’ansia, la paura, l’accettazione e l’autostima. Il racconto creato può inoltre servire per spiegare ai bambini cosa sta succedendo, coinvolgendoli a loro volta nella stesura, in questo momento molto delicato.

Un lavoro di squadra che comprende tutti i luoghi, anche quello della scuola, poiché le storie realizzate possono diventare i nuovi pacchetti educativi animati di Casina dei Bimbi, per essere condivisi nelle classi dei bambini coinvolti e poter parlare di tematiche difficili attraverso un linguaggio accattivante come quello narrativo e teatrale”.

Vuole esserne un esempio la storia di Loredana Stivala scritta dall’insegnate e cognata Valentina Manna, insieme a Sebastiano, Alice e Matilde Stivala, che vede come protagonista l’alpaca Cotton Fiock, che deve affrontare la leucemia, e dopo i primi momenti bui e senza speranza, ritrova lentamente coraggio e fiducia, nuova forza dall’affetto della sua famiglia, si sottopone alle cure, anche le più difficili, e riguadagna quello che temeva di aver perso, uscendo dall’ospedale e tornando dai suoi cari.

Una storia vera, una storia di resilienza, forza, costanza, speranza e amore incondizionato, che vuole sostenere il progetto “Storytelling Therapy” con i proventi della vendita del libro.

Da 20 anni Casina dei Bimbi si occupa della parte sana del bambino e dell’adolescente malato; sostiene le famiglie creando un ponte fra ospedale, casa, scuola, nella provincia di Reggio Emilia. Da oltre 35 anni Fondazione Grade invece sostiene l’attività ospedaliera del Reparto di Ematologia dell’Ausl – Irccs Cancer Center di Reggio Emilia, finanziando progetti di ricerca e assistenza per pazienti affetti da malattie onco-ematologiche.
“Abbiamo collaborato con entusiasmo a questo bel progetto – afferma Valeria Alberti – da una parte perché “Cotton Fiock” è una nostra cara amica, dall’altra perché siamo convinti che attraverso questa collaborazione potremo aiutare ad esempio delle famiglie, dei genitori che si trovino a comunicare la malattia ai propri figli, attraverso un linguaggio narrativo simbolico ma onesto, che possa alimentare la speranza”. Conclude Claudia Nasi “La malattia ha tante stagioni da affrontare e accettare e bisogna saperle narrare ai figli, ma non tutti sono pronti o sanno farlo, la protezione dei più piccoli passa ancora dal nascondere la verità per proteggerli. Ma se noi per primi sentiamo tristezza, paura, dolore, dobbiamo imparare a condividerli con i nostri famigliari, con i nostri figli e se non lo sappiamo fare esisterà una storia che lo farà per noi. Abbiamo aiutato volentieri Valentina Manna a fare una sorpresa a sua cognata durante la festa annuale con il Grade per festeggiare la sua guarigione, ma il Dottor Francesco Merli (Presidente del Grade, ndr) voleva di più. Io e Valeria ci abbiamo messo un attimo, forse due a pensarla in grande! In fondo Casina dei Bimbi e Fondazione Grade sono un intreccio di grandi storie”.

Si può sostenere il progetto Storytelling Therapy ritirando il libro Cotton Fiock presso le sedi delle due Associazioni con una donazione minima di 12 euro: Grade Onlus Viale Risorgimento 80, presso il Core; Casina dei Bimbi Odv Via Emilia San Prospero 44c presso i Chiostri di San Pietro.

www.grade.it









Articolo precedenteNutrie, il Comune di Modena ha aderito alla nuova convenzione per la gestione associata dei piani di controllo
Articolo successivoAlcune chiusure notturne previste su A13 e A14