In occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della Violenza contro le donne” il Comune di Castelfranco Emilia organizza una serie di iniziative, da giovedì 23 novembre a lunedì 27 novembre,  con l’importante contributo di altri enti: l’Istituto Storico di Modena, l’Associazione Centro documentazione Donna Modena, la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, l’Associazione Libera, la Casa delle Donne contro la violenza di Modena, il Museo Civico Archeologico di Castelfranco Emilia e la biblioteca comunale di Castelfranco Emilia.

“Le iniziative di sensibilizzazione proposte alla nostra comunità fanno parte di un progetto più ampio e strutturato, che ha preso il via due anni fa con l’apertura di due sportelli di accoglienza gestiti dalla Casa delle Donne contro la violenza, ma anche con una proposta di educazione/formazione sugli stereotipi di genere, in collaborazione con il Centro Documentazione Donna di Modena e di assistenza legale per donne vittime di violenze o bisognose di consulenza, in collaborazione con Donne e Giustizia di Modena” – commenta l’Assessora alle Politiche di Genere Rita Barbieri 

“Nella consapevolezza che il silenzio porta al dilagare della violenza – aggiunge l’Assessora Barbieri -, la nostra amministrazione vuole offrire diverse opportunità di incontro che possano aiutare a sentirci vicini e vicine e a contrastare questi orribili fatti

Si inizia giovedì 23 novembre, alle 18.30, al Museo Civico Archeologico “A.C. Simonini”, con l’incontro “Donne e diritti nel mondo del lavoro tra passato e presente”, a cura dell’Istituto Storico di Modena, con ospite Eloisa Betti dell’Università di Padova.

Il giorno seguente, il venerdì 24, verranno installate una serie di Panchine Rosse, simbolo della lotta alla Violenza sulle donne, in Piazza Curiel, davanti al Teatro Dadà, alla Cavazzona (Parco Montanini), a Gaggio (Parco centrale nei pressi del Nido Maggiolino), a Panzano (nel parco), a Manzolino (nel piazzale davanti alla scuola Don Milani) e a Piumazzo (presso la Torre), presso le quali la cittadinanza è invitata a portare le proprie scarpe rosse.

. si terrà un momento pubblico di condivisione e riflessione, con letture curate dalle volontarie del gruppo Vday Castelfranco Emilia e da altre cittadine sensibili a questa tematica di grande rilevanza sociale. Tutti coloro che vorranno partecipare sono invitati a portare una candela per commemorare tutte le donne vittime di violenza.

Alle . si prosegue presso la Biblioteca Comunale “Lea Garofalo”, dove si terrà “ . s , ”, un reading storico musicale dedicato a due donne coraggiose e protagoniste del loro tempo, di Giovanni Taurasi, con Elisa Lolli e Marco Sforza, sempre a cura dell’Istituto Storico di Modena.

Il sabato 25 novembre, data in cui ricorre proprio la Giornata internazionale per l’eliminazione della Violenza sulle Donne, l’appuntamento è alla Parrocchia dei Santi Filippo e Giacomo di Panzano, alle 11.15, con “Giri di ruote: sulle tracce di donne che ci hanno indicato la strada”, una biciclettata promossa da Casa delle Donne Modena, FIAB Modena, in collaborazione con Centro Documentazione Donna, Casa delle donne contro la violenza Modena, Libera e Anpi Castelfranco e sostenuta da Unione del Sorbara e Comune di Modena.

Domenica 26 novembre il ritrovo è a Piumazzo, in via dei Mille alle ore 9.00, da dove partirà una camminata di sensibilizzazione, organizzata dall’Associazione ARCIspazio Piumazzo, in collaborazione con associazioni e gruppi attivi nel territorio, gli Sportelli Antiviolenza dell’Unione dei Comuni del Sorbara e il Servizio Sanitario Regionale Emilia Romagna.

La carrellata di appuntamenti si chiude lunedì 27 novembre, alle ore 18, con una nuova puntata di “Pillole di Salute”, il format in diretta sulla pagina Facebook di Città di Castelfranco Emilia, dal titolo: “Contro la Violenza di Genere”.

 

Per informazioni: cultura@comune.castelfranco-emilia.mo.it

 









Articolo precedenteCarpineti, venerdì 24 novembre attiva la Guardia Medica per i Medici di Medicina Generale e i Pediatri
Articolo successivoOltrepò Pavese al centro della promozione di Colline e Oltre